Erice: dopo l’inchiesta sul sindaco Toscano, si dimettono tre assessori

0
23

Dopo l’inchiesta della procura di Trapani sulla sindaca di Erice Daniela Toscano Pecorella, sospesa dalla prefettura dopo essere stata colpita da un divieto di dimora nei Comuni di Trapani ed Erice, la giunta perde tre assessori su cinque. Si sono dimessi Luigi De Vincenzi, assessore all’Ecologia, Gian Rosario Simonte, assessore al Bilancio, e Giuseppe Spagnolo, assessore del Servizio idrico.

Restano in carica al momento il vicesindaco Gianvito Mauro e l’assessore ai Lavori pubblici Paolo Genco, mentre le voci sulle dimissioni di Toscano circolate in mattinata non sono state confermate.

Secondo l’impianto accusatorio della procura di Trapani, Daniela Toscano avrebbe abusato della sua funzione esercitando pressioni sugli uffici comunali competenti con l’obiettivo di rilasciare le autorizzazioni per l’apertura di un parcheggio sul lungomare ericino gestito da una società di cui il fratello, Massimo Toscano Pecorella, consigliere comunale di Trapani, sarebbe socio occulto. A Daniela Toscano indagata per calunnia e abuso d’ufficio.

Nell’ambito della stessa inchiesta al marito del sindaco, Francesco Paolo Rallo, è stata invece notificata la misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. Secondo l’accusa il primo cittadino, in concorso con il fratello e nell’interesse economico di quest’ultimo, abusando della sua funzione, ha esercitato pressioni sugli uffici comunali allo scopo di fare rilasciare le autorizzazioni per l’apertura di un parcheggio, sul lungomare ericino, gestito da una società della quale Massimo Toscano Pecorella è socio occulto.