Farmaci per patologie croniche, nuovo accordo Regione-Federfarma

0
14

L’assessore alla Salute della Regione Siciliana Baldo Gucciardi, il presidente di Federfarma Sicilia Gioacchino Nicolosi e i referenti regionali di Adf (Associazione distributori farmaceutici) e Federfarma Servizi hanno sottoscritto il nuovo accordo per la “Distribuzione per conto” per il triennio 2017-2020.

L’accordo riguarda in particolare i farmaci destinati al trattamento di patologie croniche ad elevato impatto sociale, quali ad esempio gli antidiabetici o i medicinali utilizzati per l’insufficienza renale cronica. Con questo provvedimento viene rinnovato il sistema che prevede l’acquisto dei farmaci da parte delle aziende sanitarie provinciali, mentre del servizio di distribuzione sul territorio di questo tipo di farmaci se ne occuperà Federfarma Sicilia.

“La sottoscrizione di questo importante documento – afferma l’assessore Baldo Gucciardi – giunge dopo un’attenta valutazione di tutti gli aspetti assistenziali, economici e logistici correlati alle procedure utilizzate nel primo triennio di gestione della Distribuzione per conto. Tale provvedimento, in questi anni, ha contribuito a ridurre la spesa farmaceutica, permettendo allo stesso tempo a un elevato numero di cittadini (nell’ultimo anno sono state erogate più di 3.500.000 confezioni di medicinali) di accedere agevolmente alle cure farmacologiche, grazie alla capillarità garantita dalle farmacie convenzionate sul territorio regionale, anche nei piccoli centri”.

Inoltre, è stato concordato il mantenimento dell’attuale sistema di distribuzione dei presidi per l’autocontrollo della glicemia, riducendone i costi di rimborso, e quindi assicurando un ulteriore risparmio per la Regione, e garantendo in tal modo ai pazienti la pluralità di scelta, la facilità di accesso e la sostenibilità economica del servizio.

Ma oltre a rinnovare le modalità di distribuzione dei farmaci degli ultimi tre anni, il nuovo accordo aggiunge nuovi servizi sotto il profilo tecnologico e della comunicazione. Il documento, infatti, permetterà di cogliere obiettivi di innovazione di sistema, con i quali fornire al cittadino-utente modalità più agili e sicure di erogazione del farmaco, per esempio la piattaforma informatica impedirà l’erogazione di medicinali in caso di prescrizioni errate o incomplete. Inoltre, sarà assicurato il piano terapeutico online al fine di consentire ai pazienti di ritirare il farmaco senza appesantimenti burocratici.

E ancora sarà possibile l’inserimento di funzionalità e progettualità destinate ad offrire miglioramenti significativi all’utenza nell’ottica della Farmacia dei servizi, come holter, prevenzione di ipertensione, obesità infantile e diabete e consegna dei farmaci al domicilio del paziente per categorie fragili. Sono inoltre da citare ulteriori iniziative quali i progetti Pharmaceutical Care e 1450 vetrine, finalizzati a favorire le comunicazioni istituzionali in materia di corretto uso dei farmaci e prevenzione, nonché l’attivazione di un programma condiviso tra Federfarma e i Dipartimenti del Farmaco delle Asp, volto a ottimizzare i percorsi assistenziali.