Femminicidio a Carini, svolta nelle indagini: fermato ex compagno della vittima

0
136

Svolta nelle indagini sull’omicidio della 36enne Anna Maria Scavo a Carini, nel Palermitano. I carabinieri hanno fermato l’ex compagno Marco Ricci, di 42 anni, con l’accusa di omicidio.

La donna è stata uccisa con un taglio alla gola il 15 giugno scorso in un negozio di calzature di Carini, in cui lavorava come commessa, dall’uomo che ha sempre raccontato di una colluttazione nata da una aggressione di lei nei confronti del figlio della coppia: Ricci ha raccontato di avere agito per difendere il figlio, che con lui si era recato nel negozio in cui lavorava la madre, ma secondo gli investigatori ci sarebbero “gravi indizi di colpevolezza” nei confronti dell’uomo che hanno portato al fermo.

La ricostruzione fornita da lui e dal figlio sarebbe infatti “incongruente” rispetto alle indagini e al sopralluogo effettuato dai carabinieri della sezione Investigazioni scientifiche di Palermo. Ricci si trova ora in carcere in attesa che il gip si pronunci sulla eventuale convalida del fermo.