Fuga da Forza Italia, anche il deputato Nino Germanà lascia gli azzurri

0
201
Nino Germanà

Anche Nino Germanà lascia Forza Italia, dopo Francesco Scoma il partito perde dunque un altro pezzo così come anticipato dall’agenzia di stampa Italpress nei giorni scorsi.

“Lascio per rispetto verso i miei elettori e verso i siciliani che ci hanno sostenuto in tutti questi anni”, dice in una intervista sull’edizione di Palermo di Repubblica.

“Mi trovo in un partito che ha perso lo spirito popolare di un tempo e che, anche in Sicilia, appare chiuso nel palazzo. La mia famiglia fa politica dalla fondazione della Repubblica. Lasciare Fi sarebbe stato doloroso se il partito fosse stato ancora quello fondato da Antonio Martino e Berlusconi, certamente è meno doloroso lasciare un partito che oggi è visto come un circolo di vecchi ufficiali in pensione che brindano ricordando vecchi fasti” – afferma Germanà.

E alla domanda su quanto abbia influito in questa scelta il ruolo di Gianfranco Miccichè, risponde: “No Gianfranco non ha influito, io con lui ho mantenuto un ottimo rapporto e gli riconosco le capacità politiche. Oggi però, a 44 anni, ho una visione evidentemente diversa da Miccichè. Certamente ha sbagliato a mantenere il doppio ruolo di presidente dell’Ars e di coordinatore del partito, due cariche conflittuali tra loro. Questo lo porta ad agire d’istinto e senza la dovuta pacatezza. E’ evidente però che oggi Miccichè si preoccupa più di governare il gruppo parlamentare regionale, piuttosto che guardare al futuro del partito”.