Futuro cinese per la Blutec di Termini Imerese, le interviste ai rappresentanti dei lavoratori

0
134

C’è forse un destino cinese per lo stabilimento Blutec di Termini Imerese. Un accordo da 50 milioni di euro per la produzione di auto elettriche, secondo il Corriere della Sera, è sul tavolo sia di Blutec che della casa automobilistica cinese Jiayuan.

Il Corriere.it anticipa stasera il testo del memorandum of understanding che avrebbe dovuto essere sottoscritto in occasione della visita a Palermo del presidente Xi Jinping. “Il documento, in procinto di essere siglato dal presidente di Blutec, Ginatta, dopo aver avuto l’ok del ministero dello Sviluppo economico, prevede di negoziare il passaggio dell’uso della fabbrica ai cinesi, che avrebbero prodotto 50 mila auto elettriche in tre anni destinate al mercato europeo, nonché un investimento da 50 milioni di euro congiunto di Blutec e Jiayuan o di altri investitori che sarebbero stati coinvolti nel rilancio dello stabilimento”, scrive Corriere.it.

Dal canto loro i lavoratori intervistati, ricevuti nel pomeriggio all’Ars, manifestano prudenza. Troppe le ipotesi di rilancio e sviluppo dello stabilimento ex Fiat puntualmente disattese. (Video a cura di Marco Gullà)