Giornate della ricerca, Ciotti (Corepla): “L’economia circolare una scelta obbligata”

Il presidente del Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica, ha dato il via così alle "Giornate della Ricerca", una due giorni promossa a Palermo per raccontare il cambiamento, le declinazioni degli sviluppi tecnologici e l'andamento del mercato del riciclo della plastica

0
65

“L’economia circolare non è una moda ma una scelta obbligata”. Antonello Ciotti, presidente di Corepla – Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica, ha dato il via così alle “Giornate della Ricerca”, una due giorni promossa a Palermo per raccontare il cambiamento, le declinazioni degli sviluppi tecnologici e l’andamento del mercato del riciclo della plastica.

Allo Steri di Palermo, alla presenza tra gli altri del prorettore dell’Università, Fabio Mazzola, e del presidente della Scuola politecnica, Maurizio Carta, in primo piano innovazione, tecnologica di processo e di prodotto, eco design dell’imballaggio, nuove tecnologie di riciclo e nuovi materiali da riciclare, con sempre maggiore attenzione alla sostenibilità economica ed ambientale degli imballaggi in plastica.

Di questi argomenti, in particolare, si è parlato nel corso dei tre workshop dedicati dal titolo “Eco-design e Riciclo meccanico degli imballaggi”, “La depolimerizzazione” e “Plasmix: problema o risorsa”.

“L’obiettivo è fare sistema – ha sottolineato Antonello Ciotti -. L’Italia è un Paese con grandi possibilità ma ci manca il collante per fare sistema. Abbiamo scelto Palermo perché è Capitale della Cultura e noi dobbiamo fare cultura”. Venerdì in programma una giornata più informativa e di confronto con la tavola rotonda “La catena del valore degli imballaggi in plastica”. Presenti rappresentanti di imprese, istituzionali e della comunità scientifica.

“Il sistema italiano del riciclo degli imballaggi di plastica è all’avanguardia a livello europeo, noi vogliamo fare sistema e proporre sempre più iniziative perché l’economia circolare accade non perché c’è un decreto europeo che ce lo impone ma perché le singole aziende e i singoli cittadini iniziano a fare qualcosa di diverso, e qui a Palermo vogliamo iniziare a discuterne”, ha detto il presidente di Corepla, Antonello Ciotti, spiegando che “la richiesta europea di avere imballaggi riciclabili è facilmente raggiungibile, lo è meno quella di avere imballaggi economicamente riciclabili: è questa la sfida tecnologica che abbiamo, imballaggi economicamente riciclabili entro il 2020”.

L’Università di Palermo “partecipa attivamente con il suo bagaglio di idee fondamentale per questo settore ed è accanto a Corepla – ha precisato il prorettore Fabio Mazzola – con le sue iniziative, con le start up, con l’imprenditoria”.

Per il presidente della Scuola Politecnica di Unipa, Maurizio Carta, queste giornate sono “l’avvio di un percorso di collaborazione che immaginiamo più strutturale. Ritengo che il tema del riciclo sia fondamentalmente un modo di affrontare il cambio di paradigma che stiamo vivendo. Essere entrati non più solo nell’economia circolare, ma in una società circolare, ci impone di ripensare tutto il ragionamento della filiera della produzione, dello smaltimento e del riciclo. Per la Scuola politecnica – ha concluso Carta – questa è una grande occasione di sperimentazione”.

Alcuni dati sulla raccolta differenziata degli imballaggi sono stati forniti sempre da Antonello Ciotti. “A livello italiano la media per abitante è 17 chili, l’eccellenza è il Veneto con 24 chili; fino al 2016 la Sicilia era solo a 4 chili, l’anno scorso però siamo arrivati a 7 chili. La Sicilia ha iniziato a muoversi e noi siamo qui affinché questa partenza acquisisca velocità”, ha detto all’Italpress Antonello Ciotti, presidente di Corepla -Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica.

“Gli obiettivi di questa due giorni sono molteplici, ma si possono riassumere in una sola frase: fare sistema – ha aggiunto Antonello Ciotti -. In Italia abbiamo dei momenti di eccellenza e come riciclo di materie plastiche siamo addirittura tra i primi Paesi in termini di virtuosità a livello europeo. Dobbiamo però lavorare insieme tra cittadini, istituzioni, centri di ricerca, produttori di imballaggio, affinché le sfide che ci pone l’economia circolare possano essere raggiunte e vinte”.

Ciotti ha parlato di economia circolare come assoluta necessità perché “tra 20 anni nel mondo ci saranno 2 miliardi di persone in più. Le stime ci dicono che avremo bisogno del 50% in più di acqua potabile, e circa il 30% vivrà in zone di carenza di acqua; avremo bisogno del 30% di energia elettrica in più rispetto a oggi, pertanto dobbiamo trovare nuove fonti di energia e recuperarla dai rifiuti è una possibile alternativa; cosa più importante, dovremo anche sfamare queste persone e per ridurre a zero lo spreco alimentare – ha concluso Ciotti – avremo bisogno di sempre più imballaggi, che siano performanti e che siano facilmente riciclabili”. (ITALPRESS)