Hera Hora di Mirri e Di Piazza per far ripartire il calcio rosanero a Palermo

0
28
hera hora

Si chiama Hera Hora la società di Dario Mirri e dell’imprenditore italo-americano Antonino Di Piazza che si è aggiudicata il titolo sportivo del Palermo.

La cordata sh avuto la meglio sulla proposta del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero. Lo ha deciso il sindaco Leoluca Orlando, al termine della valutazione delle proposte giunte a seguito dell’avviso per la raccolte di manifestazioni di interesse al quale avevano risposto sei società.

All’imprenditore pubblicitario palermitano Mirri e al socio italo-americano Di Piazza è stato dunque affidato il titolo sportivo e l’iscrizione della squadra al campionato di serie D.

Sono rimaste fuori la Palermo FBC 1900 (presidente Sergio di Napoli), Cuore Rosa Nero (di Lucio Messina, Viaggi del Perigeo Roma, 4 società e tre professionisti), Holding Max riconducibile al presidente della Samp Massimo Ferrero, Palermo football Club (dei soci della Società Capri srl Napoli), e gli arabi della Zurich Capital funds di Londra.

Il sindaco, sottolineando l’importanza di questa scelta, ha auspicato “il più ampio coinvolgimento della città nelle scelte future della società individuata”, anche con forme di azionariato popolare.

A questo punto il primo cittadino proporrà Hera Hora alla Figc per l’iscrizione della squadra nel campionato di serie D 2019/2020. Il 29 luglio alle 15 è il termine ultimo fissato dalla Federazione gioco calcio, per gli adempimenti necessari da parte della società prescelta. “Ci siamo presi una responsabilità di questa scelta in un contesto in cui il calcio in città era morto dopo le tante mortificazioni subite” – ha concluso Orlando.