I figli di Paolo Arata e Vito Nicastri chiedono dissequestro dei pc e dei documenti

0
106

Manlio Nicastri e Francesco Arata, figli rispettivamente dell’imprenditore dell’eolico Vito, in carcere per concorso in associazione mafiosa e indagato per corruzione, e del faccendiere vicino alla Lega Paolo Arata, anche lui indagato per corruzione, hanno chiesto al tribunale del Riesame di Palermo il dissequestro dei pc e dei documenti che sono stati sequestrati loro il 19 aprile.

Sono entrambi coinvolti nell’inchiesta su un presunto giro di mazzette a funzionari regionali siciliani per ottenere le autorizzazioni per la costruzione e l’esercizio degli impianti di bio-metano di Franconfonte e Calatafimi-Segesta e per le costruzioni di impianti di produzione di energia alternativa riferibili alle società di Paolo Arata e Vito Nicastri.

Al tribunale del Riesame, che dovrà decidere sulla revoca del sequestro, la Procura depositerà una breve nota informativa della Dia. Indagando sulla tangenti alla Regione i pm di Palermo hanno scoperto i rapporti tra Arata e il sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri che, secondo gli inquirenti, sarebbe stato destinatario di una mazzetta di 30 mila euro in cambio della presentazione di emendamenti al Def che avrebbero dovuto far beneficiare le società di Nicastri e Arata di finanziamenti. Questa tranche dell’indagine è stata trasmessa alla Procura di Roma per competenza. (ANSA)