I giovani di Fratelli d’Italia in campo contro il femminicidio e violenza sulle donne

0
48

Sono passati più di vent’anni da quando, nella seconda conferenza mondiale delle Nazioni Unite sui diritti umani, venivano definiti i diritti delle donne e ben 7 anni dalla convenzione di Istanbul e dall’emanazione della cosiddetta legge sul femminicidio.

I militanti di Gioventú nazionale, movimento giovanile di Fratelli d’Italia, si schierano contro la violenza. “Abbiamo fortemente condannato, qualche settimana fa, le terribili azioni di revenge porn a Marsala – Michele Ritondo, Portavoce Provinciale di GN – con le dichiarazioni del nostro giovane militante marsalese Walter Sorrentino. Oggi un altro importante appello, un invito denunciare. Lavoreremo su questa strada per sensibilizzare i nostri coetanei sul tema. Non possiamo non trattare l’argomento, Fratelli d’Italia ha una locomotiva a trazione donna, Giorgia Meloni è la marcia in più”

“La violenza sulle donne continua ad essere un tema sempre più presente nella cronaca quotidiana. – Walter Sorrentino, dirigente di GN Marsala – Sempre più spesso sentiamo parlare di femminicidio, di donne sfigurate con l’acido, stuprate o maltrattate. Secondo l’Istat il 31,5% delle donne di età compresa tra i 16 e i 70 anni, ha subito nel corso della propria vita forma di violenza fisica o sessuale.  Sembra quasi assurdo che alle porte del 2021, nonostante i progressi scientifici e culturali, ci troviamo ancora a parlare di violenza di genere. La violenza sulle donne è così diffusa da poter essere considerata una tra le più gravi emergenze sociali che vengono affrontate in Italia.

In media ogni due giorni una donna viene uccisa e la cosa ancora più grave è che tutto ciò accade nell’ambito delle relazioni sentimentali e familiari. Le donne che sono fonte di vita e perno della famiglia anziché essere rispettate e amate vengono offese, picchiate, violentate, sfregiate, deturpate e denigrate proprio da coloro che dovrebbero amarle di più. Da non dimenticare il numero verde governativo, 1522, che può aiutare le vittime di violenza.” Stiamo lavorando a dei progetti – Continua Walter Sorrentino – che possano dar
voce, non solo il 25 Novembre, a tante donne in difficoltà. A Marsala essendo il mio territorio di competenza, ma anche nel resto della provincia di Trapani con l’aiuto di
Michele e tutti i militanti di Gioventú Nazionale”.

I giovani militanti di Giorgia Meloni, concludono il comunicato con un messaggio che riassume benissimo la gravità di questo atto, le parole della drammaturga Eve Ensler.
“Quando si violentano, picchiano, storpiano, mutilano, bruciano, seppelliscono, terrorizzano le donne, sì distrugge l’energia essenziale della vita su questo pianeta. Sì forza, quanto è nato per essere aperto, caloroso, creativo, e vivo ad essere piegato, sterile e domato.”