Il ministero degli Esteri pubblica online la guida ai cimiteri militari italiani in Etiopia

0
14
guida ai cimiteri italiani in etiopia

L’ambasciata d’Italia ad Addis Abeba ha pubblicato online una guida ai quattro cimiteri militari italiani in Etiopia. L’iniziativa, realizzata in stretto coordinamento con l’ufficio dell’addetto per la Difesa, ha l’obiettivo di agevolare le ricerche sui singoli caduti ed anche sui luoghi che ne conservano le spoglie.

La guida prende in esame i cimiteri militari di Addis Abeba, di Adrigat, di Macallè e di Passo Uarieu, nella zona del Tembien, di cui l’ambasciata assicura le gestione e la manutenzione grazie ai fondi erogati dal Commissariato generale per le onoranze ai caduti in guerra.

Disponibile sul sito dell’ambasciata, la guida fornisce per ogni località tutti i dati sui caduti che vi riposano, la descrizione del cimitero e i fatti storici più rilevanti relativi alla sua costruzione. Ognuno di essi testimonia eventi che hanno avuto luogo sia durante gli anni dell’occupazione italiana in Etiopia (1936-41) che durante la Seconda guerra mondiale. Inoltre nella guida, accanto ad una serie di fotografie, si possono trovare tutte le informazioni pratiche per raggiungere e visitare i cimiteri: dalle coordinate geografiche, ai numeri di telefono, agli orari di apertura.

“La guida – scrive l’ambasciatore Arturo Luzzi nel messaggio che presenta la pubblicazione – nasce dalle frequenti richieste di informazioni ricevute dall’ambasciata da parte dei connazionali che, trovandosi ad Addis Abeba e in altre zone dell’Etiopia, hanno espresso il desiderio di visitare i cimiteri militari italiani, come importanti luoghi di memoria sia dal punto di vista storico che familiare”.

La guida, ha proseguito l’ambasciatore, “intende altresì offrire uno spunto di riflessione sul rapporto di amicizia che unisce l’Italia e l’Etiopia. Le relazioni tra i due paesi sono eccellenti e particolarmente dinamiche, in tutti i settori, da quello economico e commerciale, a quello educativo e culturale, come testimonia la presenza ad Addis Abeba della scuola italiana, dell’Istituto italiano di cultura e degli uffici dell’Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo e dell’Agenzia per il commercio estero. L’Etiopia è un partner strategico per l’Italia anche nell’ottica della stabilità del Corno d’Africa”.

I dati sui caduti, resi disponibili per la prima volta nell’aprile scorso, sono tratti dai registri militari archiviati nell’ambasciata, nell’ufficio dell’addetto per la Difesa e nella cancelleria consolare. L’elenco dei caduti è presente per tre dei quattro cimiteri militari, poiché l’identità dei caduti che riposano nel cimitero di Passo Uarieu è sconosciuta. L’ultimo capitolo è poi dedicato ai cimiteri militari dismessi, ovvero i luoghi dove inizialmente le salme dei caduti erano state inumate prima di essere traslate negli attuali quattro cimiteri militari.