Il sindaco di Casteldaccia Di Giacinto: “Non abbiamo soldi per le demolizioni”

0
104
tragedia di casteldaccia

“Lo Stato o la Regione mi aiutino. Io non ho i soldi per le demolizioni. Il Comune e’ in dissesto economico dal 2015: posso solo compiere atti di ordinaria amministrazione e abbattere una costruzione abusiva costa mediamente 60 mila euro. Ne abbiamo una trentina da buttare giù, come faccio?”. E’ l’appello del sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto che dice di non poter demolire la casa abusiva travolta dalla piena del fiume Milicia costata la vita a 9 persone.

“Al mio insediamento a sindaco non è seguito alcun passaggio di consegne. Sono andato a prendere la relazione di fine mandato del mio predecessore alla Ragioneria del Comune e nessun cenno c’era alle pratiche aperte sugli abusivismi edilizi. Né gli uffici comunali, dal segretario all’ufficio Urbanistico, mi hanno mai informato”. Lo dice Fabio Spatafora, ex sindaco di Casteldaccia, il Comune finito al centro delle polemiche dopo l’esondazione del fiume Milicia costata la vita a 9 persone annegate mentre erano riunite in una casetta abusiva per una festa.

Ieri l’attuale sindaco di casteldaccia Giovanni Di Giacinto ha dichiarato di aver emesso un ordine di demolizione dell’immobile, mai eseguito perché il provvedimento era stato impugnato al Tar che sarebbe rimasto inerte. I giudici amministrativi, con un durissimo comunicato, hanno fatto sapere che il ricorso era decaduto e dal 2011 la casa andava demolita. Da allora sono trascorsi quasi 8 anni.

Di Giacinto è stato sindaco fino al 2013, poi è stato sostituito da Spatafora, per reinsediarsi a giugno scorso. “Il Consiglio Comunale non ha mai approvato il regolamento che impone, dopo l’inottemperanza dell’ordine di demolizione, di acquisire il bene al patrimonio dello Stato o di demolirlo – dice Spatafora – E il regolamento non è mai stato portato all’ordine del giorno. Parliamo di un Comune che ha migliaia di richieste di sanatoria e una situazione di abusivismo gravissima”.