Il voto siciliano alle europee premia Salvini, è il candidato più votato

0
44
voto siciliano alle europee

Il voto siciliano alle europee presenta alcune particolarità rispetto al resto d’Italia. Matteo Salvini è il candidato più votato e nell’Isola il Movimento 5 Stelle tiene confermandosi il primo partito dell’isola con oltre il 30 per cento dei voti (10 punti in più sulla Lega).

Ma il dato sicuramente più interessante viene da Lampedusa. Sull’isola di confine, terra di frontiera e primo approdo per migliaia di migranti provenienti dal nord Africa, la Lega di Matteo Salvini vince a mani basse. Sulle Pelagie, infatti, il Carroccio ha raccolto 624 voti, pari al 45,85 per cento delle preferenze. Una superiorità netta sul secondo partito, il Pd, fermatosi a 286 voti e al 21,1 per cento. Terzo partito il Movimento 5 Stelle, che non è andato oltre il 16,83 per cento.

Ma la vittoria della Lega sul Pd rappresenta ancora di più un caso, perché assume le fattezze di una sonora bocciatura per il candidato democratico Pietro Bartolo, il medico di origine proprio lampedusana noto per essere stato, negli ultimi 25 anni, il dottore che per primo ha assistito centinaia di migliaia di migranti approdati sull’isola.

Se Bartolo rimedia una sconfitta casalinga, però, può consolarsi con il secondo posto, dietro Matteo Salvini, nelle preferenze generali della regione. Per il medico lampedusano hanno votato infatti 135.037 elettori. Al ministro dell’Interno, più votato, sono andati invece 239.026 voti. Terzo più votato è stata la “iena” Dino Giarrusso, candidato per il Movimento 5 Stelle, con 116.776 voti, seguito dall’eurodeputato uscente pentastellato Ignazio Corrao com 115.365. I voti agli altri big sono stati 90.271 per Silvio Berlusconi (con alle spalle nel suo partito Giuseppe Milazzo, premiato da 74604 preferenze) e 63.360 per Giorgia Meloni (seguita in Fratelli d’Italia da Raffaele Stancanelli con 29406 preferenze).