Infernu: la Divina Commedia di Dante parla siciliano, opera in scena a Palermo

0
35

Lunedì 13 maggio a mezzogiorno, a Palazzo Ziino, la regista Berta Ceglie, alla presenza dell’assessore comunale alla Cultura di Palermo Adaham Darawsha, si illustra alla stampa la rappresentazione teatrale Infernu. Partecipano: Sergio Platania, direttore del Catania City Ballet, coreografo e primo ballerino dello spettacolo; Michelangela Cristaldi, prima ballerina; Alessio Maria Camarda Signorino, storico; Gabriella Ferrera, costumista e presidente dell’Accademia Euromediterranea di Catania.

“Era di nostra vita a mità juntu quannu nto scuru boscu mi truvai, pirdennu la via dritta, ntra ddhu puntu. Quantu era bruttu, a dirlu, è duru assai st’aspiru boscu, sarvaggiu e spagniusu, tremu a pinzarlu comu ddha trimai”. Queste parole eternizzate da Dante, sono molto attuali se si dà uno sguardo al mondo contemporaneo, spaventato o inconsapevole di che cosa lo aspetta.

L’Inferno dantesco, tradotto in lingua siciliana da Tommaso Cannizzaro, non è la sola particolarità dell’opera teatrale, poiché il testo sarà volto al femminile in ragione della lettura matriarcale. Il Dante al femminile, consente di entrare in una dimensione di spiritualità che molti sentivano smarrita.

“Sarà uno spettacolo che farà risuonare la poesia di Dante con le corde di una donna – afferma la regista-. La rappresentazione, dunque, potrebbe essere vissuta anche come una scoperta personale, cui bisognerà partecipare per apprendere a fondo l’afflato che ha guidato la regia”. L’opera teatrale sarà rappresentata 17-18-19 maggio al Teatro S. Eugenio (piazza Europa 40, Palermo).

A rappresentare l’Infernu saranno, oltre alla Ceglie regista e protagonista nei panni di Dante Alighieri, gli attori: Rosario Valenti (attore mimo) – Virgilio; Sergio Greco (voce recitante) – Virgilio; Maurizio Maiorana – Caronte e Conte Ugolino; Tecla Guzzardi – Francesca; Massimo D’Anna – Farinata; Roberto Carrubba – Ulisse e Brunetto Latini.

Il corpo di ballo del Catania City Ballet: Sergio Platania, coreografo e Primo Ballerino – La Fiera, Cerbero e Mau Simuni; Michelangela Cristaldi, Prima Ballerina- la Morte. Danzatori solisti: Tecla Guzzardi – Francesca; Ida Grasso e Chiara Grasso – Fiere e Bozzoli della Morte; Chiara Cavallaro e Lucia Nicolosi – Bozzoli della Morte e Plotone di esecuzione di Farinata; Andrea Placenti – Paolo e dannato infernale. Danzatrici Ensemble: Tiziana Cavaleri, Nancy Corallo e Sarah Patanè – dannati infernali. Performers Fuoco: Adrian Ignis (Adriano Raia); Zazu ( Gianni Ruffino). Personaggi registrati: Preghiera XXXIII canto – Berta Ceglie, Maurizio Maiorana, Sergio Greco; Sergio Greco – Porta dell’ Inferno, Ciacco, voce di Flegiàs , voce di dannati, voce Centauro, Voce di Pluto, Dannati, Demoni; Gianni Ruffino – Pier Delle Vigne, Dannati, Demoni, Vanni Fulci. Costumi: Gabriella Ferrera. Elaborazione costumi: Mabest; sound effects: Sergio Greco.