Iniziati i restauri dell’Eleousa, l’icona donata da Ruggero II a Cefalù

0
19
eleousa

Iniziano oggi i lavori di restauro dell’Eleousa, la preziosa icona costantinopolitana del XII secolo rappresentante la Madre della Misericordia e che la tradizione vuole essere stata donata da un monaco di Costantinopoli a Ruggero II che la offrì poi alla chiesa di Cefalù.

La presenza di questa icona nel tesoro della Cattedrale di Cefalù è attestata fin dal 1149 ed oggi è possibile ammirarla all’interno della Cappella Vescovile visitando gli Itinerari della Cattedrale.

Il restauro sarà realizzato da Antonella Tumminello, conservatrice e restauratrice di opere d’arte e docente dell’Accademia di Belle arti di Palermo che nei mesi scorsi ha restaurato i pannelli della cantoria dell’Organo La Valle di Cefalù insieme agli studenti tirocinanti dell’Accademia.

A coadiuvare nel suo lavoro la Tumminello sarà una commissione tecnico-scientifica costituita nel mese di aprile dal vescovo di Cefalù Giuseppe Marciante. L’intervento di restauro sarà sostenuto dalla Fondazione Sicilia che ha stanziato un contributo di 10mila euro a fronte dei quasi 12mila previsti per l’intero restauro.