Intercettazione, la Cassazione chiede un report al pg Scarpinato

0
17

Il pg della Cassazione Pasquale Ciccolo ha chiesto una relazione al procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato sulla vicenda della presunta intercettazione che riguarderebbe il presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta. Lo scopo è verificare se ci siano “profili di competenza” dello stesso Ciccolo.

Il pg della Cassazione è titolare dell’azione disciplinare nei confronti dei magistrati. E la richiesta di una relazione al procuratore generale di Palermo rientra nella normale prassi seguita in vicende che possono riguardare la magistratura. Nel pomeriggio il Comitato di presidenza del Csm deciderà a sua volta se autorizzare l’apertura di una pratica sul caso dell’intercettazione a Palazzo dei Marescialli. La richiesta di un intervento del Csm è stata presentata dal laico di Fi Pierantonio Zanettin.

Intanto, dopo il procuratore di Caltanissetta Sergio Lari, anche quello di Messina smentisce che la registrazione pubblicata da L’Espresso si trovi tra quelle agli atti in inchieste del suo ufficio: Non risulta alcuna traccia di questa telefonata nei nostri uffici – dice Guido Lo Forte – Siamo assolutamente certi che non ci sia alcun elemento al riguardo qui in Procura a Messina”.