“Ippolito” di Euripide in scena al Teatro Antico di Segesta

0
58

La tragedia delle passioni estreme, ossia “Ippolito” di Euripide, sarà in scena al Teatro Antico di Segesta, domani 28 agosto alle 19,15 con la traduzione, l’adattamento e la regia di Nicola Alberto Orofino mentre a dare voce ai personaggi saranno Egle Doria, Silvio Laviano, Alessandra Barbagallo e Gianmarco Arcadipane.

La vicenda, rappresentata per la prima volta ad Atene alle Grandi Dionisie del 428 a.C. narra di Ippolito, figlio di Teseo re di Atene e della regina delle Amazzoni che, dedicandosi solo alla caccia e al culto di Artemide, trascura tutto il resto e, per tale ragione Afrodite lo punisce, suscitando in Fedra, seconda moglie di Teseo, un’insana passione per il ragazzo.

Da qui scaturiscono pericolosi fraintendimenti che culminano con il suicidio di Fedra e con la morte di Ippolito a causa di un anatema lanciato dallo stesso padre del giovane che però, prima di spirare chiarisce i fatti e la responsabilità degli Dei, ottenendo il perdono del genitore.

Il progetto di “Teatro in Fortezza 2018” – Sperlinga in collaborazione con Teatri di Pietra – Sicilia 2018, è una produzione Associazione Culturale Madè e fa parte del Calatafimi Segesta Festival – Dionisiache 2018, la manifestazione organizzata dal Comune di Caltafimi Segesta con la collaborazione del Parco Archeologico di Segesta e la direzione artistica di Nicasio Anzelmo.