Jajalo saluta Palermo, commozione e sciarpe rosanero alla festa dei bambini – VIDEO

0
4012

Mato Jajalo saluta Palermo. Il centrocampista bosniaco lascia a malincuore il club rosanero e ringrazia la città con un video e una festa nella scuola che ha ospitato i suoi quattro bambini.

Con il contratto in scadenza a giugno, un ingaggio pesante ma soprattutto con alcune richiesta da squadre di serie A, il regista che negli anni ha conquistato con sudore e sacrificio  l’apprezzamento dei supporter palermitani non ha altra scelta che ricominciare da un’altra piazza, anche per riconquistare la maglia da titolare nella sua nazionale.

Arrivato a Palermo dal Rijeka, la squadra di Fiume, nel gennaio del 2015, Mato Jajalo dopo un difficile periodo di ambientamento, si è progressivamente conquistato uno spazio importante in squadra e nel cuore dei tifosi. Il centrocampista ha vissuto le stagioni più travagliate, quelle che avrebbero portato il Palermo alla retrocessione e alle contestazioni a Zamparini.

Riservato fino a rasentare la timidezza, la sobrietà di Mato fuori dal campo e la sua grinta nel rettangolo di gioco sono state le caratteristiche che ne hanno fatto, suo malgrado, un personaggio. Sei gol realizzati nei campionati a Palermo, di cui tre nell’ultimo stagione. Il riconoscimento nella Top 11 come miglior regista della B e gli applausi del Renzo Barbera sono stati la colonna sonora che hanno accompagnato Jajalo quest’anno.

E per ringraziare Palermo e salutare  la città ieri il calciatore ha organizzato una festa all’interno dell’International school Palermo, presso l’istituto Gonzaga, dove i quattro figli dell’ormai ex rosanero sono cresciuti in questi anni.

Ma il regista dell’evento questa volta non è stato Mato, ma la moglie Ivana, raffinata musicista e cantante bosniaca, molto distante dal clichè “velina” spesso accostato ai calciatori. Vera e propria promoter social del marito e della “Jajalo family”, come ci tiene sempre a sottolineare, insieme ai figli ha realizzato un video (che pubblichiamo in esclusiva) che mostra le prodezze calcistiche del marito associate ad immagini familiari con una canzone, cantata dai suoi bimbi, che è un inno al rosanero e un ringraziamento alla città. Applausi e lacrime di commozione al termine della proiezione del video.

Poi tutti in giardino per un party con i compagni delle quattro classi frequentate dai figli, felici di ricevere in regalo una sciarpa rosanero personalizzata con il saluto dei compagnetti che partono. Anche i docenti, i genitori e il personale scolastico, rigorosamente in rosanero, tra lacrime di commozione e selfie con Mato e Ivana hanno voluto abbracciare i partenti.

Lui, Mato Jajalo saluta Palermo consapevole di dover fare, a 31 anni, una scelta obbligata, ma con un sorriso e la promessa di un “arrivederci a presto”. (GiCa)