L’ex officina del gas di via Tiro a Segno si rinnova: un anno di lavori, due milioni di euro, per trasferire gli uffici Amg di via Gravina

0
9

L’ex officina del gas di via Tiro a Segno si rinnova: un anno di lavori, due milioni di euro, per trasferire gli uffici di via Gravina. Sono stati inaugurati i lavori per la riqualificazione della sede di Amg Energia alla presenza del sindaco Leoluca Orlando, dell’assessore all’Innovazione Cesare Lapiana, del presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando e del presidente dell’azienda Mario Pagliaro.

I cantieri, finanziati con 2 milioni di euro dai fondi del programma europeo Jessica, dureranno un anno e consentiranno di trasformare l’ex officina del gas, costruita nel 1905, in uno dei primi edifici in città di classe energetica A+. Il rifacimento rientra nel percorso di creazione del Polo Mediterraneo dell’Innovazione e dell’Energia, un’area di 3 ettari fra Orto Botanico, villa Giulia e Foro Umberto I che sarà una cittadella Smart che punterà sulle energie rinnovabili in collaborazione con l’Università.

Verranno realizzati uffici e sale riunioni con materiali ecocompatibili e luci a led, consentendo di risparmiare i 100 mila euro annui di affitto della sede di via Gravina. “Questo è il primo passo verso un nuovo polo tecnologico e naturalistico – ha detto Pagliaro – il metano svolgerà un ruolo cruciale anche per la mobilità”.

“Siamo in presenza della rigenerazione e della riapertura al pubblico di un’area storicamente all’avanguardia”. E’ stato avviato anche un sistema di telemonitoraggio dei consumi energetici e sono previsti il recupero di un manufatto, che diverrà uno spazio espositivo, e la riqualificazione di uno dei quattro gasometri per ospitare uffici tecnici, seminari e workshop scientifici e culturali.