Lecce-Palermo, mister Stellone contro l’undici dell’ex rosanero Liverani

0
39
lecce-palermo

Lecce-Palermo domani nel posticipo di serie B propone una serie di temi affrontati da mister Stellone. “Incontriamo una squadra che vive un inizio di stagione importante. Il Lecce è guidato da un allenatore bravo che conosco. Tutto questo deve essere per noi un motivo per affrontare la partita con il coltello tra i denti” – afferma il tecnico rosanero.

La sfida di Lecce è di quelle dure e difficili, Roberto Stellone lo sa bene e detta ai suoi ragazzi gli ingredienti per dare seguito al successo con il Crotone, nel suo match del suo debutto sulla panchina rosanero. Di fronte i salentini di mister Liverani ex faro di centrocampo del Palermo.

“Dovremo mostrare attenzione al nostro avversario fin dal primo minuto. Sarà importante partire forte. Il Lecce è una squadra che ha entusiasmo, sulla scorta anche di quanto fatto nella passata stagione. E’ una squadra da rispettare. Mancosu? Non è prevista nessuna marcatura a uomo su di lui”.

Stellone si preoccupa più del suo Palermo che degli avversari. “Giocheremo molto nei prossimi giorni quindi, anche in base agli ultimi impegni delle Nazionali, dovrò ruotare gli interpreti – spiega il successore di Tedino -. Abbiamo organizzato un piano con il mio staff in vista delle prossime partite, con l’idea di ruotare cinque o sei uomini per ogni uscita. Il risultato della partita di Lecce non condizionerà le mie scelte future di formazione”.

“La nostra strategia è mirata al bene del gruppo – ha proseguito Stellone -. Considerato il valore tecnico del nostro organico sappiamo di potercelo permettere. Il fatto di cambiare giocatori in campo non offre rassicurazioni sul tipo di risultato che si potrà conseguire. A mio avviso però ruotare i giocatori e alternare il loro impiego, può essere un fattore importante, anche perché nella mia squadra ogni elemento è un potenziale titolare”.

Già alla vigilia della gara con il Crotone, Stellone aveva dato atto al suo predecessore, Bruno Tedino, nonché ai suoi ragazzi, di aver trovato un gruppo in buone condizioni sia atletiche che mentali.

“L’equilibrio in campo e l’impegno in allenamento sono sempre importanti e questi sono tutti fattori che ho visto. L’intensità che caratterizza i nostri allenamenti deve essere la stessa che dovremo tenere nelle nostre partite. A cominciare da quella di Lecce che non sarà semplice, ma dovremo essere bravi noi a facilitare il nostro compito. Servirà una partita di sacrificio”.

Per quel che riguarda l’11 che scenderà in campo al “Via del Mare”, Stellone non si sbilancia. “Domani manderemo in campo la migliore squadra a nostro avviso per potere vincere la partita”.

Occhi puntati su Puscas in attesa del suo primo gol. “E’ un giocatore di grandissime qualità. E’ tornato carico dopo quanto fatto in Nazionale. Lui è importante al pari di ogni giocatore del nostro reparto offensivo. Puntiamo su di lui”, ha assicurato Stellone che poi affronta anche il tema dei giocatori con il contratto in scadenza: “Fino ad oggi – dice – con il loro atteggiamento in campo mi hanno dimostrato di volere giocare”. Dal punto di vista tattico, sarà un Palermo molto duttile. “Ci alleniamo per poter cambiare sistema di gioco e possiamo farlo anche per le caratteristiche dei nostri giocatori e grazie alla loro duttilità. Lavoriamo sempre su diversi sistemi di gioco. Questo è un merito della squadra” – sottolinea Stellone. (Fonte ITALPRESS)