Libri, “I Masnadieri dell’Acquasanta” di Antonio Fiasconaro sbarcano a Cefalù

0
71

Dopo la presentazione di Palermo di qualche settimana fa, il nuovo libro del giornalista, saggista e scrittore palermitano Antonio Fiasconaro “I Masnadieri dell’Acquasanta” (Nuova Ipsa Editore) sarà presentato giovedì 13 luglio alle ore 18 a Cefalù. L’appuntamento é alla Sala delle Capriate presso il Palazzo del Municipio della cittadina normanna. Dopo i saluti del prof. Vincenzo Garbo, assessore alla Cultura del Comune di Cefalù, sono previsti gli interventi del prof. Antonio Franco e dello scrittore e poeta Nicola Romano. Introduce e modera il giornalista Giuseppe Bianca.

Questo nuovo libro di Antonio Fiasconaro concretizza un percorso virtuoso di “miglioramento nella continuità”, proprio come si dice per i vini buoni e genuini. Infatti, l’Autore ci consegna un romanzo ben costruito e assai godibile, sempre poggiato sulla solida base dell’accuratezza di ricercatore e del suo piacere del
raccontare, da affermato cronista, già rivelate nelle precedenti opere.

LA SINOSSI. Nell’avvincente scenografia d’una occidentale Sicilia post unitaria, legata dalla morsa malavitosa dei borghi marinareschi d’una Palermo sonnolente e contraddittoria, si articola l’emblematica storia di sangue
dilatata dalle griglie delle logiche mafiose della città fin nell’entroterra di Milocca. Qui, attraverso un’attenzione per il territorio e per la toponomastica che richiama le planimetrie civiche della Palermo secentesca raccontate da Luigi Natoli, si dipanano le linee di un plot narrativo avvincente e, allo stesso tempo, sapientemente non edulcorato da quei retorici umori che furono propri del feuilleton d’annata, per altro sdoganato dall’attenzione estetica di Umberto Eco, e che ha avuto ancora i segni precisi di una accurata analisi narratologica attraverso
la perizia letteraria di un Leonardo Sciascia.

Una vicenda avviata dal giovane Luigi Attanasio, falegname di mestiere, il quale, lancia in resta, decide di rapire la sua Clementina, figlia di un villano Vincenzo Mangiaracina. Cacciato in malo modo, tanto da far intervenire la pubblica forza, si dà la stura, – il tutto documentato dal mattinale e accurato bollettino dei Carabinieri Reali, – a rapimenti, sgozzamenti, agguati disegnando, nel cerchio dei quindici capitoli, quel reticolo luttuoso di bande le quali, in opposti ambienti, agiscono affinché i “fatti” trovino il loro adeguato e “onorevole” compimento. Sono questi gli umori di fondo de I masnadieri dell’Acquasanta di Antonio Fiasconaro, il quale ci restituisce, nella sua già nota scrittura agile quanto vivida, la misura del linguaggio siciliano e della psicologia isolana.

Umori e cromatismi d’una Sicilia sottoposta al giogo delle violente logiche feudali, e di una criminalità che inizia a concretarsi in quelle gerarchie di facinorosi che, ad oggi, sono ancora tristi marchi d’una città non redimibile. Sarà in un lontano venerdì del 21 aprile dell’anno 1893, che le azioni delittuose troveranno conclusione in Palermo. E ciò presso le severe stanze del Tribunale penale posto nello spazio di Palazzo Chiaramonte, il trecentesco Steri, sede, un tempo, della Santa Inquisizione.

Così verrà chiuso il processo contro sequestratori e grassatori; scene del delitto: Milocca, territorio di Apollonia in
Val Demone, e la felicissima Palermo percorsa, tra lo sciabordio delle acque, dai penetranti odori degli
aranceti della Conca d’Oro.