“Lockdown in Sicilia se i contagi non calano”, l’allarme di Musumeci

0
26
dimissioni di ruggero razza

Lockdown in Sicilia se a fine mese i contagi non dovessero calare. A lanciare l’allarme è il presidente della Regione Nello Musumeci preoccupato per il comportamento dei cittadini. “I siciliani non hanno capito quanto la situazione è grave e se i contagi non dovessero abbassarsi non escludo una chiusura totale come quella della scorsa primavera. Abbiamo tempo fino a fine mese per far scendere i dati sui contagi con comportamenti più virtuosi e responsabili” – ha detto il presidente della Regione.

La decisione su un eventuale blocco totale in Sicilia verrà presa dopo il 31 gennaio sulla base dei dati sulla pandemia in regione, soprattutto nelle aree metropolitane, quelle più a rischio. “Basta guardare le foto e filmati per osservare la indisciplina di una minoranza perché poi la stragrande maggioranza ha capito di dover rispettare le norme e le regole – ha aggiunto Musumeci – siamo preoccupati: è chiaro che il diritto alla vita è prioritario”.

A complicare il percorso di uscita dalla pandemia ci sono pure i ritardi nelle consegne del vaccino Pfizer che hanno costretto la Regione a fermare le nuove vaccinazioni per utilizzare le dosi rimaste per i richiami degli operatori sanitari già vaccinati.