Mafia: a Belmonte Mezzagno ucciso il fratello del boss Giovanni Migliore

0
40
piedimonte etneo

Riesplode la faida mafiosa a Belmonte Mezzagno. E’ stato assassinato intorno alle cinque del mattino, nella sua auto, Agostino Alessandro Migliore, 45 anni, fratello di Giovanni, boss arrestato nell’operazione “Cupola 2.0”. L’agguato in via Togliatti, mentre la vittima era a bordo della sua Audi quando sono entrati in azione i killer. Giovanni Migliore è ritenuto uomo di fiducia del boss Filippo Bisconti, che dal dicembre 2018 ha scelto di collaborare con la giustizia. Sul posto gli investigatori del comando provinciale dei Carabinieri.

Agostino Alessandro Migliore stava andando ad aprire il punto Conad, uno dei supermercati di Belmonte Mezzagno gestiti dalla famiglia. Sul luogo del delitto i carabinieri hanno trovato undici bossoli calibro 7,65.

L’omicidio di Agostino Alessandro Migliore è il quarto episodio di sangue nel giro di un anno: il 10 gennaio 2019 è stato ucciso Vincenzo Greco, genero del boss Casella; poi l’8 maggio i killer freddarono il commercialista Antonio Di Liberto, fratello dell’ex sindaco e cugino del pentito Bisconti. L’ultimo agguato in ordine di tempo, prima dell’omicidio di stamane, risale al 2 dicembre scorso, quando due killer spararono in mezzo alla folla, nel corso principale del paese, per tentare di uccidere l’imprenditore edile Giuseppe Benigno. Nell’ambito delle indagini sulla faida i carabinieri avevano arrestato un mese fa quattro persone, tra le quali Salvatore Tumminia ritenuto il nuovo capomafia del mandamento di Belmonte Mezzagno.