Mafia ad Alcamo, summit in cella frigo: sequestrati droga e arsenale

0
136

Droga e armi. E’ quanto scoperto nel corso delle perquisizioni effettuate nell’ambito dell’operazione “Freezer” che martedì ha decapitato il mandamento mafioso di Alcamo, con l’arresto di ‘U dutturi’, il medico boss Ignazio Melodia, fedelissimo di Matteo Messina Denaro.

Era stato scoperto che i summit si svolgevano nella cella frigorifera di un fruttivendolo per paura delle microspie. Sequestrati nelle due abitazioni di uno degli indagati, Giuseppe Di Giovanni, camionista incensurato, un considerevole quantitativo di hashish e marijuana, nonché numerose armi. In particolare, sono stati trovati 14 panetti per un totale di 7 chili di hashish e 6 chili di marijuana; nonché 39 armi da taglio, 49 cartucce calibro 38, un machete, una sciabola tipo katana, due tirapugni, una cartucciera con undici cartucce calibro 16, un fucile di precisione ad aria compressa e due mazze da baseball.

Di Giovanni, accusato di associazione per delinquere di tipo mafioso, era a disposizione della cosca di Alcamo e del suo reggente Melodia, del quale era autista e uomo di fiducia, partecipando alle riunioni e tentando di condizionare il voto in occasione dell’elezione del sindaco di Alcamo.