Mafia, sconto a pentito Antonino Pipitone: 14 anni per 4 delitti commessi tra il 1999 e il 2000

0
109

Il gup del tribunale di Palermo Fabio Pilato ha condannato a 14 anni di carcere il collaboratore Antonino Pipitone, imputato di quattro delitti commessi tra il 1999 e il 2000. Originario di Carini (Palermo), Pipitone sta già scontando l’ergastolo per l’omicidio del barista Giuseppe D’Angelo, avvenuto nel 2006.

La sentenza è stata emessa in abbreviato e il giudice ha riconosciuto la speciale attenuante per i collaboratori di giustizia, accogliendo così in pieno la richiesta dei pm Roberto Tartaglia, oggi fuori ruolo perché consulente della commissione Antimafia, e Amelia Luise.

Disposte pure provvisionali immediatamente esecutive da 50 mila euro a testa per le sette parti civili costituite, tutti familiari delle vittime. Vittime degli omicidi di cui il pentito si è autoaccusato, chiamando in causa anche propri parenti diretti, furono Francesco Giambanco, assassinato a Villagrazia di Carini (Palermo) il 16 dicembre 2000; Antonino Failla e Giuseppe Mazzamuto, fatti sparire col metodo della lupara bianca a Carini, il 26 aprile 1999; Giampiero Tocco, sequestrato e ucciso a Torretta (Palermo) il 26 ottobre del 2000. I delitti furono commessi sotto la regia e la supervisione dei boss Salvatore e Sandro Lo Piccolo, capi del mandamento egemone su quei territori, Tommaso Natale.