Maltempo: bomba d’acqua nell’area catanese, sulla Ss 417 detriti sulle auto

0
63

E’ stata improvvisata e di grande violenza la bomba d’acqua caduta nel Catanese che ha interessato una zona estesa circa tre chilometri. Sulla statale 417 Catania-Gela si è riversato fango e sono caduti detriti che hanno messo in difficoltà le vetture in transito. Sul posto vigili del fuoco, personale dell’Anas e della polizia stradale. Palagonia è uno dei territori colpiti dal violento nubifragio di due giorni fa nel Catanese.

La bomba d’acqua caduta nel catanese che ha interessato fondi agricoli della piana di Catania e strade di collegamento, non ha colpito i centri abitati. Sono state decine i mezzi di trasporto in “panne” e sul posto i vigili del fuoco hanno inviato squadre e sommozzatori per soccorrere gli automobilisti. L’acqua caduta continua a defluire in un canalone e la polizia stradale ha aperto la statale 417 con una corsia alternata per permettere alle vetture di spostarsi. Non si registrano feriti, ma tanta paura tra gli automobilisti.

Il maltempo si farà sentire da lunedì in tutta la Sicilia con rovesci e temporale diffusi, localmente di forte intensità e con un drastico abbassamento delle temperature. Il bollettino emesso dalla Protezione civile segnala “dalle prime ore del 22 ottobre precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, specie nei settori settentrionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Dal pomeriggio del 22 ottobre si prevedono venti forti o di burrasca dai quadranti settentrionali, specie nelle zone occidentali. Mareggiate lungo le coste esposte”.

“Seguo con apprensione gli sviluppi dell’emergenza maltempo che ha colpito la Sicilia. Un ringraziamento alla @guardiacostiera, da subito al lavoro per garantire i soccorsi. Un abbraccio a tutta l’Isola”. Lo scrive su Twitter il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli.