Maltempo: per la Protezione civile il ciclone si sposta verso Catania

0
27

“Da Siracusa la perturbazione si sta spostando verso nord e, anche qui però, non sappiamo in che modo colpirà e con quale intensità”. Così, facendo il punto sulla situazione meteo, il capo della Protezione Civile regionale siciliana, Salvo Cocina, in un audio pubblicato su facebook.

Finora “la perturbazione ha colpito in pieno la provincia di Siracusa ma soprattutto le aree di Siracusa Priolo, Melilli, Floridia e Augusta. Sono cadute nelle ultime 6 ore oltre 120 millimetri di acqua e, addirittura 150 in alcune zone. Pertanto – ha spiegato Cocina – si è creato su Siracusa una situazione di allagamenti diffusi sulle nelle parti basse della provincia e nella località ‘Pantanelle’ c’è un villaggio turistico isolato, e la ss 114 tra Melilli e Floridia è interrotta. Ci sono interruzioni anche su diverse strade provinciali per frane e caduta massi”.

In attesa dell’arrivo della perturbazione su Catania, sono stati predisposti venticinque mezzi fuoristrada con idrovora, pronti ad intervenire in ausilio ad altrettanti cinquanta della stessa tipologia già presenti nelle tre province interessate dall’evento meteo di queste ore. Sono mezzi di soccorso messi in campo dalla Protezione Civile Regionale Siciliana. La forza “ausiliaria”, composta ovviamente dai relativi equipaggi formati da personale volontario di Protezione civile, è stata fatta convergere in tre punti strategici dell’isola: Carlentini, in provincia di Siracusa, Gelso Bianco, e Villafranca Tirrena, sulla costa tirrenica messinese. Alcune di queste squadre, allo stato attuale, stanno già intervenendo nella città di Siracusa e Augusta, per aspirare le acque meteoriche che hanno invaso strade e abitazioni.