Melilli: confisca di beni per 2 milioni e 800 mila euro a una coppia di coniugi

0
43

Beni per un valore complessivo di 2 milioni e 800 mila euro euro sono stati confiscati a Siracusa dalla Guardia di finanza a una coppia di coniugi, Corrado Giuseppe Fiaschè, 50 anni, e Concetta Rasizzi, 48 anni, residenti a Melilli.

I due coniugi, appartenenti all’etnia dei “caminanti”, un esteso gruppo familiare che fonda la sua identità su una cultura seminomade e gitana, erano già stati oggetto di approfondite indagini patrimoniali da parte dei finanzieri di Siracusa perché, pur non avendo mai lavorato, risultavano proprietari di disponibilità finanziarie, beni immobili e automezzi per “un valore sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati nei diversi anni oggetto di indagine”, spiegano dal Comando della Guardia di finanza di Siracusa.

Nei confronti della coppia, inoltre, sono state presentate diverse denunce in tutta Italia, a cui sono seguite anche sentenze di condanna passate in giudicato, per reati contro il patrimonio (furti in abitazione e truffe) e anche contro la persona (lesioni), spesso perpetrate nelle abitazioni di anziani razziando denaro e oggetti di valore.

Gli accertamenti, eseguiti dalle Fiamme gialle siracusane, coordinate dal procuratore capo di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, e dirette dal pm Andrea Palmieri, hanno consentito di ricostruire il cospicuo patrimonio finanziario e immobiliare accumulato dai due in conti correnti, polizze assicurative e fondi di investimento.

In attuazione delle norme del Codice antimafia nel 2013 furono sequestrati tutti i beni di cui i due coniugi di Melilli, sconosciuti al fisco, risultavano proprietari, in vista della successiva confisca. Il Tribunale di Siracusa, lo scorso dicembre, ha emesso il provvedimento di confisca disponendo l’acquisizione al patrimonio dello Stato di disponibilità finanziarie per 2.770.000 euro (conti correnti, polizze vita, depositi postali, titoli azionari/obbligazionari) e di un terreno del valore di 60.000 euro.