Messina: in casa con 251 piante di marijuana, arrestati due giovani

0
34

Due fratelli sono stati arrestati per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dai carabinieri, che hanno sequestrato 251 piante di marijuana, a Messina. Ai domiciliari sono finiti Giovanni e Vincenzo Costantino, rispettivamente di 46 e 52 anni. Quando i carabinieri si sono presentati alla porta dell’abitazione di Giovanni Costantino, quest’ultimo – nel vano tentativo di disfarsi della droga che deteneva in casa – ha aperto una finestra sul retro ed ha lanciato all’esterno sei voluminose buste di plastica.

Ma i militari, che prima dell’inizio dell’operazione  hanno circondato l’edificio, hanno assistito alla scena ed hanno recuperato tutti i sacchetti, all’interno dei quali erano contenuti complessivamente circa 500 grammi di marijuana e 100 grammi di hashish. Inoltre, sono stati sequestrati anche 200 euro. La perquisizione in casa di Vincenzo Costantino, la cui abitazione è a poca distanza da quella del fratello Giovanni, ha invece consentito agli investigatori di trovare 251 piante di marijuana, già raccolte ed accuratamente stese ad essiccare.

Determinante in questo caso il fiuto dei cani antidroga, che hanno condotto i carabinieri verso un rudere di pertinenza dell’edificio principale. Qui, all’interno di una stanza del piano terra chiusa da una robusta porta in legno, sono stati rinvenuti 78 arbusti di piante di marijuana, divisi in due fasci ed attaccati ad un filo di ferro in posizione capovolta. Inoltre, al primo piano del rudere sono stati trovati altri 173 arbusti. Ai due arrestati sono stati concessi gli arresti domiciliari. (ITALPRESS)