Migranti, il ministro Toninelli: “La nave Diciotti verso Catania” e Salvini vuole certezze dall’Ue

0
67

“La nave Diciotti attraccherà a Catania. I valorosi uomini della Guardia Costiera hanno compiuto il proprio dovere salvando vite umane ad appena 17 miglia da Lampedusa. Ora l’Europa faccia in fretta la propria parte”. Lo scrive su Twitter il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini non ha dato né darà alcuna autorizzazione all’attracco di nave Diciotti, finché non avrà certezza che i 177 migranti a bordo andranno altrove. Lo si apprende da fonti del Viminale, che sottolineano che si attendono risposte dall’Europa. Fino a quel momento, dalla Diciotti non scenderà nessuno.

I migranti che ora sono a bordo della nave Diciotti sarebbero stati soccorsi da un’imbarcazione di “notevoli dimensioni” e da due gommoni, i cui occupanti hanno detto di essere maltesi e hanno informato i migranti che non li avrebbero portati a Malta, ma avrebbero indicato loro la rotta per l’Italia. Quando poi si sono resi conto che i migranti non avevano dispositivi di navigazione satellitare, hanno fatto capire loro che li avrebbero scortati verso Lampedusa; quindi, dopo circa 24 ore dall’intervento, avrebbero invertito la rotta abbandonando i migranti, poi circa due ore dopo recuperati dalla nave Diciotti della Guardia costiera italiana. Sempre secondo quanto si apprende, durante la navigazione l’imbarcazione su cui viaggiavano ha imbarcato acqua, complice anche le cattive condizioni meteorologiche.

E’ quanto emerge, secondo quanto si apprende da fonti investigative, dalle testimonianze di otto migranti che erano a bordo della nave Diciotti e sono stati trasferiti per cure mediche a Lampedusa e Porto Empedocle, dove sono stati ascoltati, come persone informate sui fatti, da uomini della polizia e della guardia costiera. Le testimonianze acquisite dalla polizia giudiziaria sono state trasmesse alla procura di Agrigento che ha aperto un fascicolo sul caso.

“Voglio capire se le accuse a Malta, formulate dagli immigrati arrivati l’altro giorno a Lampedusa, sono vere oppure no. In caso positivo, saremmo davanti all’ennesima prova dell’inesistenza dell’Europa, dove troppi paesi fanno i furbi a danno dell’Italia”. Lo afferma il ministro dell’Interno Matteo Salvini a proposito di quanto avrebbero dichiarato agli investigatori alcuni dei migranti che si trovano a bordo di nave Diciotti e portati a terra per motivi medici. Secondo il loro racconto sarebbero stati “abbandonati da presunti maltesi”.