Migranti, il sindaco di Lampedusa Martello: “Il nostro porto è aperto”

0
39

“Qui le cose vanno all’opposto di come le descrive Matteo Salvini: lui dice che i porti sono chiusi, ma quello di Lampedusa, posso assicurarlo, è aperto. Dice che nessuno sbarca, ma nell’isola continuano ad arrivare migranti. Dice che gli extracomunitari vengono rimpatriati. Ma dove? A meno che il trasferimento a Porto Empedocle con il traghetto di linea sia annoverabile tra i rimpatri. C’è un provvedimento di chiusura del centro d’accoglienza, voluto addirittura dal precedente governo, però è ancora aperto e continua a ospitare migranti. Ma la gente, a quanto pare, è contenta di ascoltare le parole del ministro dell’Interno e a prenderle per oro colato”. Lo dice il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, il quale spiega che nel 2018 gli sbarchi nell’isola “sono stati superiori a quelli registrati nel 2017, anche se con un numero inferiore di persone, circa 3.400”.

“Qualche giorno fa – aggiunge Martello, eletto per la seconda volta nel giugno 2017, dopo aver concluso il suo primo mandato nel 2002 – la Guardia costiera ha soccorso 68 extracomunitari e li ha condotti nell’isola. Dopo ne sono arrivati, autonomamente, altri 13, tutti tunisini, su un barchino entrato direttamente in porto, evidentemente aperto. Gli 81 si trovano ora nel centro di contrada Imbriacola e saranno rimpatriati nel modo che ho spiegato”.

La struttura d’accoglienza – un edificio che a regime può ospitare oltre 700 persone – ha subito diversi incendi nel corso degli anni, “attualmente è per tre quarti inagibile – aggiunge il sindaco Totò Martello – e dovrebbe essere restaurata. Il Comune, l’anno scorso, è stato invitato a partecipare a una conferenza di servizi per discutere del progetto di risistemazione: da allora non sappiamo più nulla”. (ANSA)