Migranti, l’arcivescovo di Palermo Lorefice: “Chi governa sia giusto, basta con gli egoismi!”

0
34
Il vescovo di Palermo Corrado Lorefice al Cei
Il vescovo di Palermo Corrado Lorefice al Cei

“E’ la miopia dell’egoismo politico, propugnato da governanti e da politici europei che spesso si vantano – soprattutto nell’Est – di costruire regimi privi delle garanzie e fuori dai confini minimi della democrazia. Di fronte a tutto questo, care sorelle e cari fratelli, la Chiesa non può restare in silenzio, io non posso restare in silenzio”.

Così l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, nel suo messaggio rilanciato dall’ufficio stampa della diocesi.

“La Chiesa – aggiunge – non ha alternative. Essa è stata collocata dal suo Signore accanto ai poveri e ai derelitti della storia, e tutte le volte che è uscita – e quante volte è successo – è uscita da quel posto per mettersi accanto ai forti, ai ricchi, ai potenti, ha perso il senso stesso del suo essere”.

Il Vangelo rivela il suo Dna “se diventa forma vitae, se diventa una carta dei diritti che garantisce la difesa degli ultimi. Ed e’ questo messaggio che vogliamo lanciare dal vascello di Palermo verso le navi d’Italia e di Europa. Non è questione di accoglienza, non si tratta di essere buoni, ma di essere giusti. Non di fare opere buone, ma di rispettare e, se necessario, ripensare il diritto dei popoli. E’ in nome del Vangelo che ogni uomo e ogni donna hanno diritto alla vita e alla felicità, perché ‘non c’è più giudeo né greco, non c’è più schiavo né libero in Cristo Gesù’, perché il nostro Signore, morendo sulla croce, ha abbattuto – dice ancora Paolo – ogni muro di separazione tra gli uomini”. (AGI)