Migranti, scafista arrestato a Catania è accusato per omicidio plurimo di 49 persone

0
21
ong migranti carmelo zuccaro

E’ stato raggiunto da un nuovo ordine di arresto per omicidio plurimo Mohamed Assayd, cittadino libico di 20 anni, gia’ detenuto nel carcere Pagliarelli di Palermo. Sono stati gli agenti della Mobile di Catania a notificargli l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nell’ambito delle indagini sulla morte di 49 migranti i cui corpi, recuperati dalla nave militare Cigala Fulgosi, arrivarono nel porto etneo il 17 agosto del 2015 sulla nave Siem Pilot. Il giovane, un cittadino tunisino e un marocchino, a conclusione del processo incardinato col nome di ‘strage di Ferragosto’, il 12 ottobre del 2016, erano stati condannati col rito abbreviato, dal Gup Giovanni Cariolo, a 20 anni di reclusione ciascuno, perché ritenuti componenti dell’equipaggio del barcone carico di migranti.

I tre hanno sempre sostenuto di essere dei semplici passeggeri. Le indagini della Squadra Mobile, in collaborazione con militari della Guardia di Finanza del locale Gico, condussero al fermo di otto presunti scafisti per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per omicidio volontario plurimo. Cinque sono a processo col rito ordinario. Dopo la condanna la Procura distrettuale di Catania ha chiesto, e ottenuto dal Gip, l’emissione dell’ordinanza cautelare in carcere per Assayd, che era detenuto soltanto per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, contestandogli anche l’omicidio plurimo.