Migranti sulla Sea Watch, Prestigiacomo (FI): “Sguardi spiritati, lasciano il segno”

0
46

“Per me è un’esperienza incredibile, perché gli sguardi spiritati delle 47 persone che abbiano ascoltato, accarezzato, lasciano un segno. Posso capire che dietro una scrivania, da lontano, tutto questo può apparire come un fenomeno”. Lo ha affermato la parlamentare di Forza Italia Stefania Prestigiacomo, dopo avere fatto un sopralluogo sulla nave della Ong tedesca assieme ad altri due deputati Fratoianni e Magi.

“E’ la prima volta che sono salita a bordo di una nave di questo tipo – ha aggiunto Prestigiacomo – ma da siracusana conosco bene il fenomeno degli sbarchi: questa è una provincia che ha accolto migliaia di migranti e ha dato prova di grande solidarietà. Salvando vite in mare, liberi cittadini si sono precipitati nelle spiagge ad aiutare migranti che sbarcavano a nuoto. Abbiamo impiegato due minuti e mezzo col mezzo della capitaneria per arrivare dalla Sea Watch a terra. Non si può voltare la testa dall’altra parte. Non è la mia natura. Siamo d’accordo che dobbiamo coinvolgere l’Europa, però queste persone sono stremate. Toccare da vicino queste realtà fa molto male al cuore. Quando noi parliamo di Europa pensiamo ad un Paese che può accoglierci, perché ci tengono prigionieri. Quella nave – ha concluso Prestigiacomo – non è luogo dove possono continuare a vivere. Abbiamo voluto dimostrare che c’è qualcosa che va oltre gli schieramenti”.

“Credo sia importante trasmettere a queste persone che ci sono migliaia di italiani che desiderano accogliere queste persone”. Lo ha detto il sindaco di Siracusa Francesco Italia dopo il sopralluogo sulla Sea Watch. “Mi ha molto colpito la storia di uno di loro – ha aggiunto – che diceva: mi spiace che tu mi veda in queste condizioni perché io non sono questo. Quando si toglie la dignità a degli individui bisogna necessariamente intervenire. L’Italia è un popolo generoso e accogliente. Sono orgoglioso di essere sindaco della mia città che ha dimostrato una mobilitazione per aiutare questi migranti”.(ANSA).