Il mistero di Ninfa, nuovo libro di Antonio Fiasconaro: instant book su un recente fatto di cronaca

0
47

Sarà in tutte le librerie da venerdì 16 marzo 2018 e già disponibile sull’e-commerce di Edizioni Kalós l’ultimo lavoro del giornalista e scrittore palermitano Antonio Fiasconaro: Il mistero di Ninfa (collana “Impressioni” pagine 72 – € 9,00 – Isbn 978-88-98777-60-0).

Il libro racconta il ritrovamento avvenuto il 4 dicembre 2017 di una piccola cassa di legno -un antico baule – in una delle sale del cimitero palermitano di Santa Maria dei Rotoli.

Una storia che ha dell’incredibile. Dove la cronaca lascia il posto all’ignoto e quest’ultimo si fonde al “giallo”, al noir. «Il baule non nasconde un solo mistero, ma mille interrogativi».

Il mistero di Ninfa si compone così, pagina dopo pagina, di tracce che l’autore ripulisce filtrandone al lettore le evidenze, avanzando ipotesi, cercando di sciogliere i tanti dubbi che accompagnano la storia della piccola Ninfa.

La casa editrice Kalós, il cui marchio è stato di recente acquisito da una nuova società, inaugura con questo volume Impressioni, la collana dedicata a piccoli testi e a instant book che colpiscono improvvisamente e fortemente, lasciando un’impronta nel lettore.

L’AUTORE. Antonio Fiasconaro (Palermo, 1961), giornalista, saggista e scrittore. Ha iniziato a sedici anni il mestiere di cronista. Si definisce un artigiano del giornalismo. Lavora dal 1990 per il quotidiano “La Sicilia” di Catania: esperto di sanità e politica sanitaria. Consigliere nazionale della FNSI. Ha curato l’ufficio stampa del Gruppo Parlamentare “La Margherita” all’Assemblea Regionale Siciliana e l’ufficio stampa dell’azienda ospedaliera “Cervello” di Palermo. Consigliere regionale e componente della giunta esecutiva dell’Associazione Siciliana della Stampa. Suoi scritti e saggi sono apparsi in numerose pubblicazioni. Con Nuova Ipsa Editore ha pubblicato il saggio poliziesco Morte d’autore a Palermo (2013), vincitore del Premio Internazionale “Pietro Mignosi” per la saggistica nel 2015, e il romanzo I masnadieri dell’Acquasanta (2017).