Mondello: tutti al mare con poco distanziamento e poche mascherine

0
158

Un assalto alla spiaggia in un giorno d’estate e del coronavirus “chissenefrega”. Il 2 giugno moltissimi palermitani, e non, lo hanno trascorso a Mondello, dove tutte le parti di spiaggia libera sono state invase dal popolo dei bagni a mare. Poco distanziamento, ma soprattutto poche, poche mascherine. La fila a Valdesi, la prima piazza di Mondello, arrivando da Palermo, per un gelato, ma anche per un panino con panelle e crocchè dal venditore ambulante, panino e bibita 4 euro. E sei servito.

Tanto caldo, ragazzi e ragazze sul molo del circolo Lauria per fare i tuffi in un mare di Mondello che oggi, come del resto avviene di solito in questi primi giorni d’estate, ha dato il meglio di sé. Un’acqua limpida, trasparente che ha fatto venir voglia del bagno a chi non è arrivato attrezzato di costume e tovaglia.

Dopo i tre mesi trascorsi in casa, compresi Pasqua, Pasquetta, 25 aprile e 1 maggio, i palermitani, forti dei dati molto confortanti sui contagi da coronavirus in Sicilia, si stanno dando alla pazza gioia. E la prima tappa non può che essere Mondello, come da tradizione. Forse è giusto così. Ma sarebbe anche giusto rispettare il distanziamento sociale e portare la mascherina se non si fa il bagno, nel rispetto della salute di tutti. L’emergenza sanitaria dichiarata dal governo nazionale resta fino al prossimo 31 luglio. Ma in tanti ancora non lo hanno ben compreso. Non siamo ancora al “liberi tutti”.