Morto carbonizzato lo studente scomparso a Palermo: forse incidente con barbecue

0
13

E’ stato trovato morto Vincenzo Liotta, lo studente universitario di 22 anni scomparso da Palermo mercoledì. I carabinieri hanno scoperto il corpo carbonizzato del giovane nelle campagne di Piraino, in provincia di Messina. Il cadavere si trovava nel giardino della casa di villeggiatura della famiglia, accanto a un barbecue e ad alcune taniche di benzina.

Le indagini al momento non escludono nessuna pista ma l’orientamento privilegiato è quello di un incidente: vicino al corpo del giovane c’erano, infatti, i resti di una porzione di pasta non del tutto cotta. Il sospetto è che Liotta volesse trascorrere la serata nella casa di villeggiatura e avesse intenzione di preparare la cena sul barbecue, ma che qualcosa sia andato storto e il ragazzo possa essere stato investito da una fiammata.

Lo studente si era allontanato dalla sua casa in via La Marmora mercoledì mattina intorno alle 9, sulla sua auto. Da allora non aveva dato più notizie e i genitori avevano presentato la denuncia di scomparsa. Il cellulare del ragazzo era stato intercettato dai carabinieri intorno alle 22 di mercoledì nella zona di Punta Raisi. L’ultimo contatto risulta invece uno scambio di sms con la fidanzata.

Alle ricerche avevano partecipato familiari e amici del ragazzo, con un tam tam e diffusione di foto anche su Internet e sui social network. Poi, nella notte, il tragico epilogo. I familiari descrivono il 22enne come un giovane solare e sereno, ed escludono possa trattarsi di un suicidio. Si attendono adesso gli accertamenti e l’autopsia.