Trapani: muore durante il parto a 26 anni, il bambino sta bene

0
55

Trapani: tragedia all’ospedale Sant’Antonio Abate dove una donna di 26 anni, A.D., è morta dopo aver dato alla luce un bambino. La ragazza, al nono mese di gravidanza, è giunta ieri sera, verso le 9, al reparto di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Trapani per alcune perdite ematiche. Il tracciato cardiotocografico ha rivelato normali funzioni vitali del nascituro e la donna, visitata dai sanitari, è stata trovata in “condizioni generali nella norma”, come si legge in una nota dell’Asp.

Poco prima della mezzanotte, la giovane, mentre parlava con la madre, ha avuto un malore: un arresto cardiocircolatorio non le ha dato scampo. E’ morta in pochi minuti, non c’è stato nulla da fare. I medici hanno quindi praticato un cesareo di urgenza e intorno alla mezzanotte è nato il figlioletto della partoriente, un neonato di 3,2 chili, che gode di buona salute. A causare la morte forse una embolia.

Il bimbo, che pesa 3,2 chili, è invece in buona salute. In seguito a quanto accaduto a Trapani, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha disposto l’invio di una task force all’ospedale Sant’Antonio Abate per accertare eventuali negligenze e responsabilità. Anche la direzione sanitaria dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani ha nominato una commissione interna, coordinata dal direttore del presidio Francesco Giurlanda per verificare i fatti.