Musumeci torna all’Ars, il M5s annuncia la mozione di sfiducia

0
57
Musumeci scrive a conte

Era il 29 aprile quando il presidente Nello Musumeci abbandonò Sala d’Ercole furibondo attaccando il deputato Luca Sammartino (Iv) per avere chiesto il voto segreto, l’Ars poi approvò la manovra finanziaria senza il governatore in aula.

Musumeci nel pomeriggio è tornato a Palazzo dei Normanni per la discussione sulla mozione di censura (respinta) all’assessore al Lavoro, Antonio Scavone. Il presidente ha seguito in silenzio gli interventi in aula dei parlamentari e anche quando qualche deputato d’opposizione ha ricordato in aula che a nominare i manager arrestati Antonio Candela e Fabio Damiani è stato il suo governo, Musumeci non ha fatto una piega.

Il M5s presenterà all’Assemblea regionale siciliana una mozione di sfiducia al governatore Nello Musumeci. L’ha annunciato il capogruppo dei 5stelle, Giorgio Pasqua, intervenendo in aula sulla mozione di censura, poi respinta da sala d’Ercole con 25 voti a favore e 34 contrari, nei confronti dell’assessore regionale al Lavoro, Antonio Scavone.