Nello Musumeci presidente della Regione, avanti tutta del centrodestra che si smarca da Forza Italia di Miccichè

0
32
Nello Musumeci sull'arresto di cateno de luca

Nello Musumeci presidente della Regione, avanti tutta del centrodestra che si smarca da Forza Italia. Il centrodestra non trova la quadra sul candidato presidente della Regione siciliana e un pezzo decide di tirare la volata a Musumeci. “No a fughe in avanti”, aveva avvertito il commissario regionale di Forza Italia Gianfranco Miccichè. Ma di cincischiare molti non hanno più voglia e c’è poi il profondo malessere lasciato dall’abbandono, a sorpresa e non concordato, della nave delle primarie da parte degli azzurri e del Cantiere popolare di Saverio Romano.

Eccolo Nello Musumeci, candidato come cinque anni fa, ma di uno schieramento al momento più ristretto: c’è un pezzo di Forza Italia, quello legato a Vincenzo Gibiino, il movimento di Musumeci Diventerà Bellissima, la Lega- Noi con Salvini di Angelo Attaguile e Alessandro Pagano, gli autonomisti di Rino Piscitello e gli indipendentisti di Gaetano Armao. “Andiamo oltre i tavolini e la logica dei vertici ristretti e delle coalizioni asfittiche”, dice Musumeci, “la primarie avrebbero mobilitato nuove energie. Ora va avanti questo percorso che sarà compreso dalla gente a cui ci apriremo per un progetto alternativo”.

“L’Isola continua ad essere governata senza alcuna lungimiranza, in totale assenza di programmazione. “E così la California del Mediterraneo rimane ricoperta di polvere – dice Gibiino, abbozzando una linea programmatica – alla mercé di una classe di amministratori che meriterebbe l’immediata rottamazione”. Il futuro? “Sia nel segno della totale discontinuità, basato su logiche nuove”. Sostiene di avere parlato con Silvio Berlusconi” di questa svolta: “lo avevo avvertito che sarebbe finita così, dopo la ferita ancora aperta delle primarie e le scelte successive di rottura. Non ci fermiamo, rompiamo gli indugi, non è più tempo di attese inutili”. (AGI)