Omicidio del clochard Aid Abdellah: due minorenni fermati e interrogati dai carabinieri

0
122

Omicidio di Aid Abdellah, fermati dai carabinieri due minorenni. Si tratta di un giovane di 16 anni e di uno un po’ più piccolo che sono stati accompagnati nella caserma di piazza Verdi e interrogati dai carabinieri nell’ambito delle indagini per l’omicidio del clochard francese di 56 anni, ucciso domenica notte mentre dormiva su un giaciglio di cartoni in piazzale Ungheria, a Palermo.

Gli investigatori sarebbero risaliti ai due ragazzini attraverso l’esame di alcuni video registrati da videocamere di sorveglianza della zona. Gli investigatori dell’Arma hanno passato al setaccio le telecamere di videosorveglianza della zona, alla ricerca di qualche indizio che aiutasse a ricostruire l’aggressione del senzatetto conosciuto da tutti come “Aldo”, che divideva il suo giaciglio con un gatto di nome Helios.

I carabinieri stanno anche vagliando la posizione di un altro ragazzo, ancora più giovane del primo, che avrebbe agito insieme all’altro.

Palermo, intanto, continua a piangere quel clochard così conosciuto in città per via della sua gentilezza e della sua immagine divenuta ormai familiare per via del suo gatto, Helios, suo compagno di viaggio perennemente sulle sue spalle.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha dato mandato all’ufficio Toponomastica per valutare la possibilità di intitolare il luogo dell’omicidio, i portici di Piazzale Ungheria, a pochi passi dal teatro Massimo, ad Aid Abdellah. (Video di Marco Gullà)