Operazione Artemisia e logge segrete: tornano liberi Errante e Perricone

0
53

Tornano in libertà l’ex sindaco di Castelvetrano e l’ex candidato alle prossime amministrative, ritiratosi il giorno degli arresti. Si tratta di Felice Errante, primo cittadino dal 2012 al 2017, e di Luciano Perricone, già candidato alle elezioni mancate del 2017 e a quelle del prossimo 28 aprile.

Errante e Perricone erano sottoposti agli arresti domiciliari dal 21 marzo, il giorno in cui i carabinieri arrestarono 27 persone nell’ambito dell’operazione Artemisia, coordinata dalla procura di Trapani.

Il provvedimento di annullamento delle misure cautelari è stato emesso dal Tribunale del Riesame di Palermo presieduto dal giudice Antonella Pappalardo che ha riscontrato un criterio di incompetenza territoriale.

Secondo il Riesame, il gip di Trapani non avrebbe potuto valutare le richieste dei pm perché il reato più grave contestato nell’intero procedimento sarebbe quello di peculato, commesso a Palermo. Per questo di udienza in udienza sono stati revocati gli arresti di buona parte degli indagati. La procura lunedì ha depositato una memoria per spiegare ai giudici del Riesame che il reato di peculato non si è scoperto con esattezza dove è stato commesso e che tra gli episodi non inseriti in ordinanza c’è anche un estorsione commessa nel territorio trapanese che, essendo punita con un massimale di pena maggiore al peculato, radicherebbe il fascicolo d’indagine a Trapani. (AGI)