Orlando: “Palermo è una città mediorientale e somiglia più a Beirut che a Francoforte”

0
265

“Palermo, per le sue peculiarità, somiglia più a Beirut che a Francoforte, o meglio, Palermo è una città mediorientale che però si trova in Europa”. E’ questo l’incipit dell’intervento di saluto del sindaco di Palermo Leoluca Orlando ai partecipanti della “Seconda Conferenza Mondiale sulla Rivitalizzazione della Dieta Mediterranea” in programma al Real Teatro di Santa Cecilia.

Per Orlando “l’area del Mediterraneo potrebbe essere definita un mosaico fatto da tanti differenti pezzi; un mosaico appunto, non un dipinto e quindi necessita di una cornice, rappresentata dall’armonia. E l’armonia – ha precisato il primo cittadino – scaturisce dal rispetto dell’essere umano perché anche noi umani, siamo biodiversi, ossia siamo come un continente formato da persone molto differenti tra loro”.

Il sindaco di Palermo ha poi introdotto nel suo intervento il concetto di “armonia” che “deve esserci non solo tra i vari esseri umani, ma anche tra passato e futuro, poiché tutto è collegato”.

Nel corso del suo discorso, Leoluca Orlando, ha spiegato che “le città devono cooperare per scambiarsi esperienze e andare oltre i confini, mentre il cibo rappresenta una sorta di termometro di questa alleanza tra le città, perché i cambiamenti culturali passano anche attraverso le modifiche riguardanti l’alimentazione”.

Un riferimento è stato fatto anche al pittore palermitano dell’800 Francesco Lo Iacono che ha raffigurato in tantissimi suoi quadri la natura siciliana. “Eppure – ha spiegato il sindaco – un botanico ha notato che nessuna delle piante dipinte, ritenute tipiche del paesaggio siciliano, in realtà è autoctona; quindi siamo biodiversi per scelta e anche il ficodindia, naturalizzato nel bacino del Mediterraneo, è in verità nativo del Centroamerica”.

Orlando ha poi illustrato alcuni dati riguardanti prettamente Palermo che, secondo l’Istat, risulta la terza città italiana più visitata, preceduta soltanto da Roma e Firenze, mentre si è guadagnata il 4° posto per lo street food. “Inoltre, quando si parla di Palermo – ha concluso il sindaco  – non si fa più immediato riferimento alla mafia come accadeva ad esempio fino a non molti anni fa e la città è stata dichiarata la più sicura d’Italia”.

I lavori della Seconda Conferenza Mondiale sulla Rivitalizzazione della Dieta Mediterranea proseguiranno fino a venerdì 17.