Palermo calcio: Daniela De Angeli è la nuova presidente del Cda, due cordate per l’acquisto della società

0
123

Daniela De Angeli, storica collaboratrice di Maurizio Zamparini, è la nuova presidente del Palermo. A rendere ufficiale la notizia ai giornalisti ci ha pensato direttamente il patron friulano, presente allo stadio di mattina, che nel pomeriggio ha incontrato la squadra e parlato con l’allenatore Bruno Tedino. Allo stadio “Renzo Barbera” si è svolto un summit per fare il punto della situazione in casa rosanero.

La nomina di Daniela De Angeli segue le dimissioni dell’ex presidente Giovanni Giammarva, anche lui presente in mattinata allo stadio, che ha lasciato la società per divergenze all’interno del consiglio di amministrazione. Quella del nuovo presidente è una nomina per gestire l’ordinaria amministrazione della società in vista di una possibile chiusura della trattativa con il gruppo Follieri.

“Daniela De Angeli è provvisoriamente il presidente del Consiglio, non il presidente del Palermo calcio. E’ una cosa diversa – ha spiegato Zamparini – è una situazione provvisoria in cui gestirà la parte amministrativa della società con potere di firma. Ma sarà per poco tempo, in attesa del nuovo presidente e della nuova società”.

Sulla cessione della società, l’imprenditore friulano ha detto: “Sto trattando con due cordate per la vendita. Ponte è un mio collaboratore finanziario che sta facendo un programma di gestione della società, mentre le altre cordate riguardano Follieri e una cordata americana che reputo più sicura. Follieri ha depositato 40 milioni a titolo di garanzia? No, ha depositato un foglio di carta come Baccaglini. La cordata americana sta discutendo con me e un rappresentante di alto livello americano che ha fatto per 4 anni il braccio destro della Q8. E’ stato ospite mio a Firenze e sta lavorando per portare degli investitori di un certo livello a Palermo”.

Zamparini si è anche soffermato sul mercato: “Se non dovesse andar via nessuno abbiamo una delle squadre più forti del campionato perché con Struna, Rajkovic e Bellusci abbiamo la difesa più forte della B. Anche a centrocampo e in attacco siamo messi benissimo e siamo una delle favorite se rimaniamo così. Tedino? Se l’ho richiamato è perché ha la mia fiducia, ma servono i risultati”.