Palermo: commercianti, professionisti, artigiani, ristoratori contro governo Conte

0
240

Oltre 200 tra commercianti, professionisti, parrucchieri, ristoratori, titolari di bar hanno aderito alla passeggiata di protesta contro il governo Conte, organizzata da Stefano Santoro in mattinata a piazza Croci.

“I manifestanti – dice Santoro, già consigliere comunale a Palermo – hanno espresso tutta la loro disperazione per la sospensione delle attività e per i mancati aiuti da parte del governo nazionale, il quale invece di rifare contributi a fondo perduto, sta proponendo agli italiani di indebitarsi con le banche”. Critiche anche nei confronti del sindaco Orlando.

Stefano Santoro ha chiesto al presidente della Regione Nello Musumeci “di mostrare coraggio e disattendere il decreto aprile del presidente del consiglio Conte e di disporre con propria ordinanza, in virtù dello statuto siciliano, far aprire bar, ristoranti, parrucchieri, barbieri e negozi già dal 4 maggio, poiché un altro mese di chiusura causerà la scomparsa di tanti esercizi pubblici e commerciali”.

La manifestazione è stata interrotta dalla Polizia, Santoro a tale riguardo ha sottolineato che “il 25 aprile le associazioni dei partigiani ideologicamente a sinistra, sono state libere di manifestare in piazza, mentre a coloro che rappresentano il tessuto commerciale e imprenditoriale e delle libere professioni a Palermo è stato inibito di manifestare liberamente il proprio dissenso”.

“Anche da Palermo giunge il grido di disperazione e di dura contestazione nei confronti del governo Conte”. Lo dice Igor Gelarda, capogruppo della Lega a Palazzo delle Aquile a nome di tutto il gruppo consiliare. “Attraverso questa spontanea iniziativa – aggiunge Gelarda – giunge a Roma chiaro e univoco un segnale di disagio sociale ed economico con la richiesta di dimissioni di un esecutivo che sta mettendo in ginocchio un intero Paese. Concordiamo con gli organizzatori che la Sicilia avrebbe meritato, sotto il profilo delle riaperture un trattamento diversificato, pur con la massima attenzione”. “La Lega di Palermo – continuano i quattro consiglieri della Lega Igor Gelarda, Marianna Caronia, Alessandro Anello ed Elio Ficarra – si stringe attorno a tutte le categorie produttive, e non cesseremo di continuare la nostra azione di opposizione ad una amministrazione Orlando, che contestiamo da tempo”.