Palermo: da lunedì 14 un murales allo Sperone contro la violenza sui bambini

0
32

Un murales dal forte significato simbolico contro la violenza sui bambini: lo sta completando Igor Scalisi Palminteri, artista palermitano già noto per interventi di riqualificazione urbana in quartieri di Palermo.

In questo caso, per il nuovo murales ha scelto un’immagine emblematica ma, soprattutto, un muro di 18 metri di una palazzina del quartiere Sperone, a fianco della scuola Pertini vandalizzata durante il lockdown.

L’opera di Igor Scalisi Palminteri – che sarà mostrata ancora work in progress, presente il sindaco Leoluca Orlando, lunedì 14 settembre, alle 9,30, nel giorno in cui in tutta Italia riaprono gran parte delle scuole – è realizzata in collaborazione con Beyond Lampedusa e fa parte del progetto internazionale “ONE Voice”, movimento sociale che promuove l’arte pubblica come mezzo per ispirare e unire le comunità. Fondato da Gil Shavit (Perù) ed Eugene Lemay (USA), “One Voice” è nato durante i momenti più difficili della pandemia e ha raccolto adesioni immediate, tanto da creare un unico filo rosso attraverso 30 città, 14 Paesi in cinque continenti; senza contare che è sceso in campo il gotha della street Art, da Ron English ai California Locos, Hugo Gyrl, Chroboogie, Hiero Noriega o Nate Dee.

Mercoledì 16 settembre, la Fondazione Sant’Elia si trasformerà in un’unica sala espositiva per ospitare le opere di Mario Bajardi, Gandolfo Gabriele David, Andrea Kantos, Giacomo Rizzo, Mauro D’Agati, Nicola Pucci, Max Serradifalco, raccontate in queste ore via social (e condivise dagli artisti di ONE Voice in tutto il mondo) dai video di Antonio Macaluso.