Palermo: dal 6 dicembre Ztl anche di notte, reazioni e polemiche

0
91
ztl a palermo

La decisione di estendere, a partire dal 6 dicembre, il venerdì e il sabato dalle 8 di sera, la zona a traffico limitato a Palermo anche alle ore notturne, da parte dell’assessore alla Mobilità Giusto Catania e della giunta Orlando, sta scatenando una serie di reazioni e polemiche.

“Apprendiamo dalla stampa, e non da un confronto con il consiglio comunale, della volontà dell’assessore Catania di estendere la Ztl anche di notte a partire dal 6 dicembre. Ho chiesto in aula all’assessore di confrontarsi prima con il Consiglio, di presentare un piano organico di mobilità sostenibile e di aggiornare il piano urbano del traffico”. Lo dice Fabrizio Ferrandelli, capo gruppo di Più Europa.

“Sono convinto dell’illegittimità del provvedimento e del fatto che debba essere il Consiglio l’organo deliberante. Ma al di là di questo – aggiunge Ferrandelli – senza un confronto con le parti sociali, un piano parcheggi, navette di collegamento e servizi alla cittadinanza non è immaginabile nessuna sperimentazione. Le grandi città italiane regolamentano l’accesso notturno a partire dalle 23 e fino alle 3, così da consentire a residenti e attività di ristorazione, margini di accesso. La chiusura alle ore 20 – conclude Ferrandelli – desertificherebbe la zona, con conseguenti problemi di sicurezza, e comprometterebbe il tessuto economico”.

“Da mesi discutiamo con residenti e commercianti del centro storico sulla possibilità di limitare il traffico veicolare privato nelle ore notturne e abbiamo certezza che ci sarà un riscontro positivo alla proposta della giunta di sperimentare la ZTL, il venerdì e il sabato notte. È un’esigenza del territorio che potrà favorire un patto di collaborazione tra residenti e operatori economici, nell’ottica di favorire la vivibilità nel centro storico. Il Consiglio della Prima Circoscrizione nei prossimi giorni, organizzerà un’assemblea pubblica col sindaco e con la giunta per favorire il dialogo, per verificare il merito della proposta e per accogliere suggerimenti utili per migliorare il provvedimento”. Lo dichiara il presidente della Prima Circoscrizione di Palermo, Massimo Castiglia.
“La limitazione del traffico veicolare nelle ore notturne è una necessità della città, un’esigenza rappresentata da residenti e molti commercianti che contribuirà a qualificare la vita notturna di Palermo – replicano i consiglieri comunali di Sinistra Comune Barbara Evola, Fausto Melluso, Katia Orlando e Marcello Susinno -. L’Amministrazione comunale vada avanti ascoltando tutti, ma continuando a perseguire una visione di città che, grazie alle pedonalizzazioni e alla Ztl, è migliore rispetto a qualche anno fa. A maggior ragione se la necessità di limitare le automobili di notte è stata rappresentata anche dal prefetto, a seguito delle riunioni del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza. Se qualcuno – aggiungono – continua a pensare che solo le automobili facciano bene al commercio e le vuole riportare su via Maqueda e sul Cassaro abbia il coraggio di dirlo esplicitamente, senza trincerarsi dietro cavilli o interpretazioni fantasiose delle leggi. La politica deve avere il coraggio delle scelte e appare alquanto strano che, davanti a un consiglio comunale immobile, si giochi ad inseguire la giunta che si sta assumendo le responsabilità di attuare il programma del Sindaco. Il presidente Totò Orlando – concludono i consiglieri di Sinistra Comune – faccia valere la sua autorevolezza per stabilire il calendario dei lavori del Consiglio al fine di mettere in discussione atti importanti per la vita della città, il modo più serio per tutelare le prerogative istituzionali dell’assemblea di Palazzo delle Aquile”.
Non ci sta il capo gruppo di Fratelli d’Italia Francesco Scarpinato: “La sperimentazione della giunta Orlando, ormai la conosciamo tutti, è diventata prassi consolidata, basti pensare che ci sono “sperimentazioni” avviate due anni fa e ancora in essere. Se si vuol affrontare seriamente la questione va aperto un dibattito politico in Aula. Come avviene in altre parti d’Italia è giusto che anche a Palermo le Ztl siano supportate da servizi che sono fondamentali per i cittadini. Altrettanto importante per limitare i disagi e ascoltare le varie  associazioni di categoria e i cittadini I provvedimenti vanno fatti con criterio e seguendo le norme”.