Palermo, dopo il ko di Perugia parla Zamparini: “Mancano i gol, ora va tutto male, la fortuna torna”

0
39

“Una sconfitta che sa di beffa perché hanno segnato al 91° mentre noi stavamo pressando nella loto metà campo da venti minuti, ma il ko di Perugia sa anche di questo Palermo che non va”. Sono le parole del patron del club rosanero, Maurizio Zamparini, in un’intervista al sito della società all’indomani della battuta d’arresto del Curi, la terza di fila dopo quelle con Empoli e Foggia.

“Mancano i gol, vedrò il mister e il ds, faremo un esame della situazione, dobbiamo essere più pericolosi in avanti e abbiamo gli uomini per farlo – ha proseguito Zamparini -. Bisogna ritrovare la squadra che abbiamo perso, la fortuna non ci arride, se avessimo fatto sei punti invece di 0 in queste ultime due partite avremmo lo stesso trend del girone d’andata, dove le cose andavano meglio, adesso va tutto male, ma conosco il calcio e so che prima o poi la sfortuna ti abbandona e torna la fortuna, ma adesso bisogna ritrovare lo spirito giusto ed esaminare perché creiamo poche occasioni da gol”.

Tedino contro il Perugia ha gettato nella mischia Rajkovic dal primo minuto e Balogh nella ripresa, due giocatori che finora non si erano visti per infortunio. “Rajkovic ha dimostrato di essere già pronto per giocare dal primo minuto, anche se nel finale ha avuto i crampi – ha detto Zamparini – Balogh ha ancora bisogno di tempo, secondo me quella di ieri non era la partita adatta al suo rientro, ma speriamo di recuperarlo, perche’ e’ un’altra punta che puo’ darci una mano”.

Il prossimo avversario la Pro Vercelli, ancora fuori casa. “Dire che l’imperativo è vincere è proprio quello che ci fa male, dobbiamo andare lì, giocare da Palermo e costruire palle-gol. Avete visto l’Empoli che ha fatto un cambio di mentalità, gioca per far gol, ha le punte per farlo, ma le abbiamo anche noi, ne abbiamo 4-5, a Vercelli tornerà Coronado, penso che sarà un’altra musica. Come ha detto l’allenatore possiamo vincerne anche otto di fila, me lo auguro”, ha concluso Zamparini. (ITALPRESS)