Palermo, Fratelli d’Italia sulla questione Rom: “Garantire il rispetto di tutti i cittadini”

0
46

“Non possiamo che essere al fianco dei residenti della zona di via Felice Emma, i quali dopo anni di abbandono da parte delle istituzioni cittadine in tema di servizi essenziali, senza alcun confronto preventivo, si sono visti imporre la scelta dell’amministrazione comunale del trasferimento di famiglie Rom nel loro quartiere”. Lo affermano in una nota congiunta il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Raoul Russo e il consigliere comunale Mimmo Russo, che esprimono sostegno e solidarietà ai residenti di Via Felice Emma, stigmatizzando la gestione della vicenda Rom da parte del sindaco Orlando.

“Quella villa confiscata alla mafia – dicono Raoul Russo e Mimmo Russo – per le sue caratteristiche non dovrebbe essere inserita negli alloggi da assegnare all’emergenza abitativa, ma da destinare altre funzioni sociali importanti e necessarie per le esigenze del territorio”.

“Invece, il sindaco Orlando – proseguono Raoul Russo e Mimmo Russo di Fratelli d’Italia, che ha un’oggettiva responsabilità storica sulla nascita del campo nomadi della Favorita, è costretto finalmente dalla magistratura a disinnescare questo disastro sociale e ambientale, e non trova migliore soluzione che quella di collocare i Rom in alloggi pubblici, con tanto di opere di manutenzione straordinaria da parte delle maestranze comunali per la loro accoglienza, in aree di periferia abbandonate da anni, aggiungendo il contorno dei soliti santini sulla politica dell’accoglienza senza e senza ma, a scapito delle legittime esigenze dei palermitani”.

Il primo esposto-denuncia alla Procura della Repubblica sullo stato del campo nomadi della Favorita è dell’allora consigliere di quartiere del MSI, Mimmo Russo.

“E’ singolare – continuano Raoul Russo e Mimmo Russo – che il sindaco Orlando minacci denunce nei confronti dei cittadini che si oppongono a questo trasferimento e di chi occupa abusivamente la villa di via Emma anche perché la stessa amministrazione tollera da anni occupazioni abusive e illegali di immobili comunali, sia a uso abitativo sia a uso politico (vedi centri sociali occupati) senza battere ciglio”.

Infine, Fratelli d’Italia ribadisce la sua posizione sulla vicenda: “revoca del provvedimento in atto, sgombero del campo Rom della Favorita, con il ritorno ai paesi di origine di coloro i quali risultino cittadini stranieri, collocazione abitativa delle famiglie, in regola con la legge, che risultino avere residenza a Palermo esclusivamente rispettando i criteri della graduatoria dell’emergenza abitativa, senza nessuna corsia preferenziale che danneggi cittadini palermitani più bisognosi”.