Palermo, Gelarda: “Orlando cambi nome a via Alfredo Niceforo”

0
25

“Il sindaco Leoluca Orlando concorda con la senatrice Liliana Segre sulla necessità di cancellare il nome di Vittorio Emanuele III da scuole e strade in quanto il reale omino di casa Savoia fu firmatario delle leggi razziali. Ma dimentica che Palermo è l’unica città ad avere intitolato una strada ad Alfredo Niceforo, criminologo e scienziato di origini catanesi, che può essere considerato il teorizzatore del cosiddetto razzismo antimeridionale, sostenendo una netta distinzione etnica tra italiani settentrionali e meridionali. Con una razza mediterranea e barbara al Sud e una germanica e civilizzata al Nord”. Lo dice Igor Gelarda, capogruppo della Lega in consiglio comunale a Palermo.

“Orlando – aggiunge Gelarda – tenta sempre di sviare l’attenzione dei media dal fatto che la città è ormai al collasso, mentre dimentica che Niceforo, presidente della Società italiana di criminologia e antropologia, docente a Roma, Losanna e Bruxelles, affermò anche che il maggior numero di omicidi commessi in Sicilia, Calabria e Sardegna fosse da imputare agli elementi africani e orientali che si trovava nei meridionali, facendone diventare l’indole più violenta e pronta al crimine”.

In un libro nel 1898, Niceforo, ricorda Gelarda, definì i meridionali come “la razza maledetta che popola tutta la Sardegna, la Sicilia e il Mezzogiorno d’Italia dovrebbe essere trattata col ferro e col fuoco”, ritenendo necessario applicare due diverse forme di governo per il Nord e il Sud d’Italia. A Castiglione di Sicilia, dove Niceforo nacque, esiste una scuola media a lui intitolata, anche se nel 2012 il consiglio comunale votò una proposta per sostituire il nome sgradevole. La strada venga intitolata ad Angelina Romano, una innocente ragazza di 8 anni fucilata, a Castellammare del Golfo, dai soldati piemontesi nel 1862”.