Palermo: il consigliere Fabrizio Ferrara aderisce a Fratelli d’Italia

0
106

Il consigliere comunale di Palermo, Fabrizio Ferrara, eletto alle ultime amministrative con il Mov139 di Leoluca Orlando con 1.686 voti aderisce a Fratelli d’Italia. Il gruppo a Sala delle Lapidi sale così a 3 ed è composto anche dal coordinatore cittadino e capogruppo Francesco Scarpinato e dal presidente della commissione Urbanistica Mimmo Russo.

“Quello di Fratelli d’Italia è un progetto affascinante – dice Ferrara, molto vicino all’eurodeputato Giuseppe Milazzo che da alcune settimane ha aderito a Fratelli d’Italia – Un partito radicato nel territorio e capace di offrire una seria proposta di governo ai cittadini, difendendo i territori e i nostri valori. Sono pronto a mettermi a disposizione del gruppo consiliare per aiutare la città a cambiare pagina al più presto”.

Oggi si è anche tenuta una riunione dei quadri palermitani del partito a cui hanno preso parte la deputata Carolina Varchi, l’eurodeputato Giuseppe Milazzo, il coordinatore della Sicilia occidentale Giampiero Cannella, il coordinatore provinciale Raoul Russo, il coordinatore cittadino Francesco Scarpinato, i consiglieri comunali di Palermo Fabrizio Ferrara e Mimmo Russo, i dirigenti nazionali Giuseppe Di Blasi, Mario Ravetto e Pippo Palmeri che è anche sindaco di Roccamena.

“Fratelli d’Italia è pronta a mettere le sue donne e i suoi uomini a disposizione di un centrodestra unito e quindi vincente – dicono i dirigenti – Non siamo disponibili a strane alchimie o a fantasiosi allargamenti, ma vogliamo offrire ai palermitani chiamati al voto il prossimo anno una proposta di governo chiara, coerente e credibile che rispecchi il centrodestra nazionale e incarni i nostri valori. Siamo al lavoro su una lista competitiva e abbiamo una classe dirigente all’altezza di esprimere anche il candidato sindaco di Palermo, prima però vogliamo confrontarci su programmi e progetti per la città alla quale vogliamo dare una guida autorevole da individuarsi nel perimetro del centrodestra tradizionale”.